Il focus

La farsa dei grandi della Terra al G20 sui vaccini messa a nudo dall'esperta di Oxfam Italia

Sulla copertura vaccinale nei Paesi poveri manca "un impegno politico reale" da parte del G20, nella forma di un calendario, di azioni concrete, di vincoli e di strategie: a sottolinearlo è Sara Albiani, esperta di Oxfam Italia

Il Corriere Redazione

31 Ottobre 2021 - 10:15

"Quello di garantire la copertura vaccinale per il 70 per cento della popolazione mondiale entro metà 2022 è un auspicio politico importante, che però non è stato accompagnato da un impegno politico reale" dice Albiani.

Sulla copertura vaccinale nei Paesi poveri manca "un impegno politico reale" da parte del G20, nella forma di un calendario, di azioni concrete, di vincoli e di strategie: a sottolinearlo è Sara Albiani, esperta di Oxfam Italia, in un'intervista con l'agenzia Dire a margine dei lavori del forum. Lo spunto sono i punti concordati venerdì durante la riunione dei ministri delle Finanze e della Salute dei "grandi", rilanciati ieri dal presidente del Consiglio italiano Mario Draghi nel suo discorso di apertura del vertice a Roma. "Quello di garantire la copertura vaccinale per il 70 per cento della popolazione mondiale entro metà 2022 è un auspicio politico importante, che però non è stato accompagnato da un impegno politico reale" dice Albiani. "I 'grandi' sostengono di voler contribuire all'avanzamento verso questo obiettivo ma a oggi manca un calendario e l'indicazione di quali sono le azioni concrete e le strategie per raggiungerlo". Secondo l'esperta di Oxfam, "se i leader del G20 pensano di poter raggiungere questo traguardo con lo stesso tipo di scelte che sono state fatte finora siamo assolutamente fuori strada perché oggi la disuguaglianza nell'accesso ai vaccini è enorme". Albiani ricorda le stime diffuse a livello internazionale: "I Paesi a basso reddito hanno vaccinato meno del 2 per cento della propria popolazione mentre la quota per quelli ad alto reddito si aggira attorno al 60 per cento in media". Secondo l'esperta di Oxfam, "il sistema attuale che si basa su donazioni di dosi e su iniziative volontarie multilaterali come il Covax non ha funzionato". Il punto, stando alla sua lettura, è che "bisogna agire invece sulle cause profonde delle disuguaglianze nell'accesso ai vaccini, che sono legate ai brevetti e alla tutela della proprietà intellettuale, temi non affrontati affatto qui a Roma". Secondo Oxfam, monopoli esercitati di fatto dalle case farmaceutiche sulla produzione dei medicinali anti-Covid hanno garantito margini di profitti "molto elevati" ostacolando però al contempo la lotta alla pandemia. "I Paesi ricchi hanno pagato fino a 24 volte il costo stimato di una dose di vaccino a Mrna, come Pfizer, Biontech e Moderna" calcola Albiani. "Anche attraverso Covax, un meccanismo che dovrebbe garantire accesso ai vaccini anche nei Paesi svantaggiati, le fiale sono state pagate cinque volte di piu' rispetto ai costi di produzione, che per l'Mrna oscilla tra 1,18 e 2,85 dollari, anche se avere dati precisi è complicato per via della mancanza di trasparenza dei produttori e degli accordi di vendita". (Vig/Dire)

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady