Dal 19 dicembre al 6 gennaio

Coronavirus, in Veneto Zaia chiude i confini comunali

"E' una soluzione di equilibrio, che ha delle deroghe ovviamente per acquisti alimentari, lavoro, sanitari. Non si è chiusi in casa, i negozi sono aperti. Una sorta di zona arancione ridotta di scala"

Il Corriere Redazione

17 Dicembre 2020 - 13:15

Coronavirus, in Veneto Zaia chiude i confini comunali

"Domani firmerò un'ordinanza. Il Veneto dal 19 dicembre al 6 gennaio proponiamo una soluzione epidemiologica di chiusura dei confini comunali dalle ore 14 mantenendo inalterate tutte attività produttive e commerciali ma dalle 14 in poi si lavora solo con cittadini della propria città per distribuire il flusso commerciale. Questo provvedimento sarò in vigore fino al 6 gennaio", spiega il governatore

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady