Lo scontro

Stop del M5S a Draghi sulle armi a Kiev, Di Maio (in guerra per la sua poltrona) non ci sta

A metterle nero su bianco l'altolà sono stati alcuni tra i senatori più oltranzisti del Movimento Cinque Stelle, in vista del voto in Parlamento di martedì dopo le comunicazioni del premier Mario Draghi sul Consiglio europeo del 23-24 giugno.

Loris Del Vecchio

18 Giugno 2022 - 20:50

Stop del M5S a Draghi sulle armi a Kiev, Di Maio (in guerra per la sua poltrona) non ci sta

Il documento «ci disallinea dall'Ue e dalla Nato, che è un'alleanza difensiva; si mette a repentaglio la sicurezza nazionale», paventa addirittura il ministro degli Esteri Di Maio, spaventato, in realtà, da una crisi di governo che porti diritto alla fine della legislatura e, con la fine del doppio mandato, alla sua fortunata carriera politica.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady