Il caso diplomatico

Ad capocchiam, Giggino Di Maio espelle dall'Italia 30 funzionari russi. Mosca: «Un passo che non rimarrà senza risposta»

Le rappresentanze diplomatiche russe in Italia sono state considerate "persone non grate" in relazione alle azioni che minacciano la sicurezza nazionale dell'Italia.

Il Corriere Redazione

05 Aprile 2022 - 15:03

Ad capocchiam, Giggino Di Maio espelle dall'Italia 30 funzionari russi. Mosca: «Un passo che non rimarrà senza risposta»

«Non è stata fornita alcuna prova di tali azioni. Il personale diplomatico insieme ai familiari deve lasciare il territorio italiano entro 72 ore. L'ambasciatore russo ha esplicitamente espresso la protesta contro la decisione immotivata della parte italiana che porterà ad un ulteriore deterioramento delle relazioni bilaterali»

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady