La dichiarazione

Draghi: tutti i profughi ucraini in Italia potranno lavorare (giusto), basta un tampone. Per i lavoratori italiani, invece, ci vuole il super green pass

Ai cittadini ucraini accolti e' consentito svolgere un'attivita' lavorativa "sulla base della sola richiesta di permesso di soggiorno". "I profughi o fanno il tampone ogni 48 ore o accettano di vaccinarsi", ha detto Draghi nel corso del question time alla Camera.

Il Corriere Redazione

09 Marzo 2022 - 15:38

Draghi: tutti i profughi ucraini in Italia potranno lavorare (giusto), basta un tampone. Per i lavoratori italiani, invece, ci vuole il super green pass

Il premier italiano, che si è riempito la bocca del fatto che "La forza di un Paese e di una democrazia si misura anche nella capacità di difendere la dignità umana", non ha fatto alcun cenno, però, al super green pass imposto ai lavoratori italiani: loro non possono lavorare solo col tampone ogni due giorni.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

La campagna elettorale tra promesse e litigi

La campagna elettorale tra promesse e litigi

Cono d'ombra

Come nel 1948, l'Italia a un bivio

Come nel 1948, l'Italia a un bivio

Cono d'ombra

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA