Il fatto

C'è pace e pace: la Segre non va alla manifestazione nazionale contro il disarmo

La senatrice a vita, memoria e simbolo degli orrori nazisti, fa sapere che «non corrisponde a verità» la notizia secondo cui concluderà la manifestazione a Roma, indetta dalla Rete italiana pace e disarmo

Il Corriere Redazione

04 Marzo 2022 - 14:35

C'è pace e pace: la Segre non va alla manifestazione nazionale contro il disarmo

Domani, sabato 5 marzo, alle ore 13.30 da piazza della Repubblica a Roma partira' la manifestazione nazionale "Cessate il fuoco. Per un'Europa di pace", convocata dalla Rete Italiana Pace e Disarmo con l'adesione di numerose organizzazioni della societa' civile italiana per la pace tra cui Arci, Acli, Libera, Emergency, Legambiente, Cgil, Movimento Nonviolento. Leggi tutto

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady