Allineati e coperti

Dopo quello di Draghi, l'ordine di Bonomi ai sindacati di continuare a stare zitti e buoni: «Non si sciopera»

Il segretario nazionale della Cgil, Landini, aveva osato dire: "Siamo pronti allo sciopero se il governo non ascolta i lavoratori. Draghi rinvia e non risolve i problemi".

Il Corriere Redazione

07 Novembre 2021 - 10:21

Dopo quello di Draghi, l'ordine di Bonomi ai sindacati di continuare a stare zitti e buoni: «Non si sciopera»

Carlo Bonomi, presidente di Confindustria

«Si ritiene ancora che il ricatto della mobilitazione sia un mezzo per ottenere quello che uno chiede, uno strumento che porta a rifiutare ogni confronto con il resto del mondo del lavoro, e poi ci si lamenta», l'ordine del numero uno di Confindustria, all'unisono con quello del presidente del Consiglio.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady