La storia

Talarico, il calabrese che tiene stretto il G20 con le cravatte

La presidenza del consiglio dei ministri ha scelto come doni istituzionali ai grandi della terra le creazioni degli artigiani Maurizio e Tiziano Talarico. I doni prevedono cravatte sartoriali e foulard, le prime realizzate con seta italiana pregiata in twill, fatte a mano

Il Corriere Redazione

30 Ottobre 2021 - 22:02

Talarico, il calabrese che tiene stretto il G20 con le cravatte

Partito da Catanzaro con la passione per le cravatte, Maurizio Talarico è diventato uno dei marchi più prestigiosi e ricercati del mondo. I suoi modelli sono amati da leader e divi.  «Una cravatta ben annodata è il primo passo serio della vita» diceva Oscar Wilde, di questa massima, l’imprenditore calabrese ne ha fatto tesoro al punto da crearne un business. 

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady