Il fatto

Col Dpcm sul green pass obbligatorio Draghi ristabilisce la delazione dei regimi fascisti e comunisti

Nelle norme del provvedimento è stabilito che il datore di lavoro chiamato a controllare il possesso del green pass del lavoratore, laddove questi ne sia sprovvisto, deve effettuare una segnalazione alla Prefettura ai fini dell’applicazione della sanzione amministrativa

Il Corriere Redazione
Col Dpcm sul green pass obbligatorio Draghi ristabilisce la delazione dei regimi fascisti e comunisti

Il lavoratore che accede al luogo di lavoro senza green pass è soggetto, con provvedimento del Prefetto, a una sanzione amministrativa che va da 600 a 1.500 euro. Quindi, il datore di lavoro deve denunciare al Prefetto il suo dipendente. In altri momenti storici questo comportamento istigato dal Dpcm era definito "delazione"

Continua a leggere l'articolo abbonandoti

Sei solo tu a decidere se il nostro impegno vale: sostienilo, con un terzo di quello che spenderesti al giorno per un caffè

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady