Il fatto politico

L'Isis minaccia l'Italia, Di Maio nel mirino: «Non ci fermeremo»

Daesh torna a minacciare l'Italia. Nel mirino degli jihadisti c'è il ministro degli Esteri Luigi Di Maio che il 28 giugno ha co-presideuto, insieme al segretario di Stato Usa Antony Blinken, la riunione ministeriale della Coalizione anti-Daesh, tenutasi per la prima volta a Roma, in presenza.

Il Corriere Redazione

10 Luglio 2021 - 22:56

"Non saranno le minacce a fermare l'azione dell'Italia nella lotta al terrorismo. E lo stiamo dimostrando con i fatti", ha risposto Di Maio in un post su Facebook, sottolineando come la riunione dell'anti-Daesh "è stata importante per rinnovare questo preciso impegno e rafforzare il ruolo dell'Italia". La priorità per il ministro resta la "sicurezza degli italiani". "Stiamo lavorando con grande determinazione" per "fermare i flussi migratori irregolari e bloccare i trafficanti di esseri umani", ha spiegato Di Maio, sottolineando che "stabilizzare la Siria, l'Iraq e il Sahel significa fermare all'origine, in stretta cooperazione con i nostri alleati e i governi interessati, il fenomeno terroristico".

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

La campagna elettorale tra promesse e litigi

La campagna elettorale tra promesse e litigi

Cono d'ombra

Come nel 1948, l'Italia a un bivio

Come nel 1948, l'Italia a un bivio

Cono d'ombra

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA