Il caso

Un po' di solidarietà a Renzi: non poteva sapere che le mani da cui prende i soldi erano sporche di sangue

Povero Matteo: dopo gli insulti che lo bollano come bugiardo seriale, ora anche le accuse di frequentazioni a pagamento con il principe ereditario saudita, Muhammad bin Salman, che l'America ha rivelato essere colui che approvò l'operazione per "catturare o uccidere" il giornalista dissidente Jamal Khashoggi.

Il Corriere Redazione
Un po' di solidarietà a Renzi: non poteva sapere che le mani da cui prende i soldi erano sporche di sangue

Secondo quando riportato dal "Domani" il senatore Renzi è membro del comitato consultivo dello FII Institute, un organismo controllato dalla famiglia reale saudita: per sedere nel board viene pagato fino a 80mila dollari l’anno. Ecco perché, almeno per il leader di "Italia Viva", l'Arabia è la culla del nuovo rinascimento. Che poi grondi sangue, Renzi mica poteva saperlo. O no?

Continua a leggere l'articolo abbonandoti

Sei solo tu a decidere se il nostro impegno vale: sostienilo, con un terzo di quello che spenderesti al giorno per un caffè

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady

El Diegon: il dialogo platonico su Maradona

El Diegon: il dialogo platonico su Maradona

L'Ironlady