Il vertice

Conte ascolta il Cts e valuta una nuova stretta per le feste di Natale

Il Cts ha fatto il punto sulla situazione (che vede il 36% dei posti occupati nelle intensive e il 42% nelle aree mediche) e ha suggerito all'esecutivo di rafforzare le misure previste, anche con una forma di lockdown durante il periodo natalizio.

Il Corriere Redazione

14 Dicembre 2020 - 16:02

Conte ascolta il Cts e valuta una nuova stretta per le feste di Natale

Il governo, secondo quanto si apprende da fonti dell'esecutivo, sta valutando di accogliere la proposta ma ha formulato la richiesta di avere ulteriori dati e approfondimenti. Per questo nelle prossime ore il Comitato Tecnico Scientifico dovrebbe riunirsi per un nuovo aggiornamento della situazione e per formulare eventuali proposte per un intervento.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady