Cortocircuito politico

Regolarizzazione migranti, Crimi smentisce Palazzo Chigi: «Nessuna intesa»

Vito Crimi aggiunge che "fin dall'inizio sono state evidenti a tutti le mie perplessita' sul provvedimento, nella parte relativa alla regolarizzazione dei migranti".

Il Corriere Redazione

12 Maggio 2020 - 13:18

Regolarizzazione migranti, Crimi smentisce Palazzo Chigi: «Nessuna intesa»

Vito Crimi, capo politico del M5S

Crimi smentisce la ricostruzione di Palazzo Chigi in merito a un'intesa raggiunta domenica notte sulla regolarizzazione dei migranti. Per la presidenza del consiglio era stata raggiunta "la sintesi politica" e ora e' in corso una riflessione nel M5s. Per il capo reggente dei M5s c'era una "disponibilita'" a condividere la soluzione, ma non si e' mai tradotta in una sintesi politica.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady