La previsione nel decreto di maggio

Martella: «Sostegno all'editoria con credito d'imposta fino al 50% per chi investe in pubblicità»

"Ritengo che l'editoria, la stampa, l'informazione abbiano un ruolo fondamentale nella societa' contemporanea come presidio della democrazia e ritengo si tratti di fare quanto piu' possibile perche' questo settore possa essere sostenuto"

Il Corriere Redazione

06 Maggio 2020 - 11:26

Martella: «Sostegno all'editoria con credito d'imposta fino al 50% per chi investe in pubblicità»

Andrea Martella

"Il decreto e' in fase di finalizzazione, la percentuale di questo credito di imposta attualmente e' al 30%, ma mi auguro possa arrivare al 50% ed e' un differenziale consistente per chi investe in pubblicita'", ha aggiunto il sottosegretario con delega all'Editoria, Andrea Martella

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady