petroliera Xelo

Naufragio della petroliera Xelo a largo della Tunisia, Cingolani: «Italia pronta a intervenire»

Il Mattino di Basilicata

18 Aprile 2022 - 12:03

Naufragio della petroliera Xelo a largo della Tunisia, Cingolani: «Italia pronta a intervenire»

Preoccupa la situazione a largo della Tunisia per il naufragio della petroliera Xelo che trasportava 750 tonnellate di greggio, avvenuto tra venerdì e sabato nel Golfo di Gabes. Il relitto, al momento, è adagiato su un fondale di 15 metri e a circa 3 miglia nautiche dalla costa tunisina. Le autorità locali hanno dichiarato che gli sversamenti in mare di idrocarburi sarebbero stati minimi. «Sono 750 tonnellate di idrocarburi in una nave affondata. E’ molto rischioso. Abbiamo offerto subito il nostro aiuto. I nostri mezzi in pochi minuti erano pronti a intervenire. Ma più che proporre assistenza non possiamo fare». E’ allarmato il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani. Ha passato la Pasqua in continuo contatto con il Reparto Marino Ambientale delle Capitanerie di Porto che hanno esperienza e tecnologia sufficiente a prevenire il disastro ambientale che causerebbe uno sversamento della petroliera dei misteri Xelo. Ma Armatore e autorità tunisina ancora non accettano l’intervento dei mezzi antinquinamento per i quali il nostro Paese rappresenta un’eccellenza. «Ci sono stati contatti. Ma solo attraverso le due Marine Militari», spiega il ministro Cingolani al Corriere.it. Una procedura anomala rispetto ai protocolli di sicurezza che prevedono innanzitutto di svuotare le cisterne, si temporeggia? E perché il governo tunisino la ritiene un affare militare?. La nave mercantile Xelo, battente bandiera della Guinea Equatoriale, proveniente dall’Egitto e diretta a Malta, venerdì sera aveva chiesto di entrare in acque tunisine a causa delle cattive condizioni meteorologiche. I sette membri dell’equipaggio erano stati evacuati. Durante il tragitto tra il porto egiziano di Damietta e Malta, aveva cominciato ad imbarcare acqua a circa sette chilometri dalla costa del Golfo di Gabe’s.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

La campagna elettorale tra promesse e litigi

La campagna elettorale tra promesse e litigi

Cono d'ombra

Come nel 1948, l'Italia a un bivio

Come nel 1948, l'Italia a un bivio

Cono d'ombra

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA