draghi a napoli

Draghi a Napoli, ira degli operai della Whirlpool: «Sono passati 8 mesi dall'incontro in cui ci garantì un interessamento sul dossier»

Mario Draghi e il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ha dato vita al 'Patto per Napoli', un accordo tra il Governo e il Comune di Napoli grazie al quale, in base a quanto stabilito nell'ultima Finanziaria per aiutare i Comuni capoluogo delle Città metropolitane in gravi difficoltà economiche e finanziarie, lo Stato verserà nelle casse comunale circa 1 miliardo e 300 milioni di euro spalmati in 20 anni. Ossigeno per le casse dell'Ente

Il Mattino di Basilicata

29 Marzo 2022 - 16:20

Draghi a Napoli, ira degli operai della Whirlpool: «Sono passati 8 mesi dall'incontro in cui ci garantì un interessamento sul dossier»

Non sono mancate le contestazioni da parte dei disoccupati e dei centri sociali con cori e fumogeni a pochi metri dalla basilica di Santa Maria alla Sanità. Le contestazioni hanno visto anche un breve alterco tra le forze dell'ordine e uno dei manifestanti, con ingiurie e strattonamenti. A Manifestare una cinquantina di persone. Immancabile la pizza da "Concettina ai Tre Santi", storica pizzeria del Rione Sanità. All'esterno la contestazione non si è placata con pesanti insulti, tra cui "satanista" e "no al green pass". Tra gli argomenti contestati al premier, il green pass, il caro bolletta, l'aumento delle spese militari, il mancato potenziamento della sanità pubblica. A ricevere le contestazioni anche il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e il sindaco Gaetano Manfredi, che hanno mangiato la pizza insieme a Draghi.

Significativa la protesta degli operai Whirlpool il cui futuro è sempre più incerto e drammatico

Di seguito la lettera integrale

"Egregio Signor Presidente siamo ancora una volta a rappresentarLe le difficoltà legate alla vertenza della Whirlpool di Napoli. Sono passati più di 1000 giorni dall'inizio della vertenza e a più di 8 mesi dal nostro incontro a S.Maria Capua Vetere in cui ci garantì un interessamento sul dossier della Whirlpool". E' quanto si legge nella lettera firmata da Fim Fiom e Uilm e dalle Rsu dello stabilimento partenopeo e consegnata allo staff del premier Draghi, oggi nel capoluogo campano per la firma del Patto per Napoli. "In quel momento - ricorda il sindacato - la situazione seppur difficile non era drammatica come oggi, nonostante la Pandemia i lavoratori di Napoli avevano lavorato durante il lockdown, ma la Whirlpool non intendeva fare marcia indietro sulla chiusura dello stabilimento e purtroppo il governo decise di porre fine al blocco dei licenziamenti e, come noi le rappresentammo, l'azienda dopo qualche giorno decise di far partire le procedure di licenziamento che né il Ministro Giorgetti, né il Ministro Orlando sono riusciti a bloccare". "Dopo qualche mese - prosegue la lettera - il governo ci presentò una proposta di reindustrializzazione del sito di Via Argine legato alla realizzazione di un HUB per la mobilità sostenibile di livello nazionale, criticando la nostra richiesta di insistere sul far retrocedere la multinazionale, perché questo progetto era in stato avanzato e ci si lavorava già da un anno con Invitalia (così ci venne rappresentato ad Agosto 2021), e conteneva all'interno presenze di imprenditori quotati in borsa per cui non si potevano fare i nomi, ma si trattava di investitori di primo livello. A dicembre sono scattati i licenziamenti e ci venne assicurato che per il 15 febbraio avremmo avuto un piano industriale per dare continuità professionale (tralasciamo le garanzie profuse di continuità occupazionale) e piena occupazione ai lavoratori del Bacino Whirlpool e garantendo un percorso di formazione unitario".

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady