crisi ucraina

L'Ucdl in campo per i bambini ucraini, a disposizione pediatri e psicologi del gruppo

Il Mattino di Basilicata

06 Marzo 2022 - 19:24

L'Ucdl in campo per i bambini ucraini, a disposizione pediatri e psicologi del gruppo

L’Avv. Erich Grimaldi, Presidente del “Comitato Cura Domiciliare Covid-19”, ritiene che non è possibile rimanere indifferenti rispetto a quanto sta accadendo in Ucraina, soprattutto con riferimento alla strage di bambini a seguito dei bombardamenti. Il comitato, dunque, offre la disponibilità dei pediatri e psicologi del gruppo, che dopo aver garantito, negli ultimi due anni, assistenza volontaria ai pazienti covid, sono pronti a dare supporto ai bambini ucraini rifugiati nel nostro paese e laddove possibile anche agli adulti. Il comitato, con l’occasione, chiede la disponibilità delle comunità ucraine, presenti in Italia, sia per l’individuazione dei profughi che necessiteranno di assistenza sia per l’eventuale supporto linguistico.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady