crisi ucraina

L'ambasciatore del Cremlino in Italia ha chiesto di garantire la sicurezza dei cittadini russi

L'ambasciatore russo in Italia, Sergey Razov, ha spiegato, sulla base degli appelli del presidente russo Vladimir Putin, il contesto e le cause della situazione in Ucraina. La missione diplomatica scrive che l'ambasciatore "è stato invitato alla Farnesina" dal segretario generale del dipartimento, Ettore Sequi

Il Mattino di Basilicata

25 Febbraio 2022 - 12:39

L'ambasciatore del Cremlino in Italia ha chiesto di garantire la sicurezza dei cittadini russi

S.Razov, ambasciatore russo in Italia

Nel corso dell'incontro, la parte italiana ha delineato la posizione del Governo rispetto a quanto sta accadendo in Ucraina. Da parte sua, Razov, sulla base degli appelli del presidente della Federazione Russa, ha spiegato i retroscena e le ragioni della situazione in Ucraina, nonché le intenzioni della parte russa nell'ambito dell'operazione militare speciale, osserva l'ambasciata. "L'ambasciatore ha espresso la speranza che l'Italia aderisca a una linea equilibrata su quanto sta accadendo in Ucraina, che tradizionalmente contraddistingue i rapporti italo-russi. Razov ha chiesto alla parte italiana di garantire la sicurezza dei cittadini russi sul territorio dello Stato, compreso il personale delle missioni diplomatiche della Federazione Russa, al giusto livello. Il segretario generale del ministero degli Esteri italiano ha promesso di fornire un'adeguata assistenza attraverso le autorità italiane competenti", si legge nel messaggio. Giovedì, il presidente Putin ha ordinato un'operazione speciale, dopo che la DPR e la LPR hanno chiesto a Mosca assistenza militare per difendersi dall'aggressione ucraina. Il capo di Stato russo ha affermato che l'operazione è di natura preventiva e che Mosca intende solo proteggere la popolazione delle due repubbliche e non occupare l'Ucraina. 

«Non siamo stati noi a rinunciare alle iniziative diplomatiche, bensì alcuni dei nostri principali partner stranieri. Il 24 febbraio, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov avrebbe dovuto incontrare a Ginevra il segretario di Stato americano Antony Blinken, e in seguito il suo omologo francese. Solo poche ore prima della riunione di Ginevra, abbiamo ricevuto la notifica da Washington dell’annullamento della riunione. Il ministro Di Maio è stato a Mosca il 17 febbraio e ha avuto colloqui anche sulla possibilità di una soluzione diplomatica della situazione intorno all'Ucraina. Si è anche discusso, com’è noto, dell'organizzazione della visita nella capitale russa del primo ministro italiano Mario Draghi. Dopo la nostra decisione di riconoscere le repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, i nostri colleghi italiani hanno ritenuto che la visita non fosse possibile. Sottolineo che tutto questo avveniva prima dell'inizio dell'operazione militare speciale. Ieri, il ministro Lavrov ha ribadito che siamo sempre pronti al dialogo». Così il diplomatico questa mattina all'Ansa

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady