green pass

Follie ai tempi del pass, il giudice riammette Antonio alla mensa: «Illegittimo chiedere il green pass agli utenti dei centri socio sanitari»

Il Mattino di Basilicata

10 Febbraio 2022 - 09:17

Follie ai tempi del pass, il giudice riammette Antonio alla mensa: «Illegittimo chiedere il green pass agli utenti dei centri socio sanitari»


Elisabetta Rossi per Quotidiano.net racconta una storia surreale. 'Gli avevano vietato di mangiare in mensa perché senza green pass. Ieri, l’ordinanza del giudice Davide Storti ha dichiarato illegittimo quel provvedimento e lo ha così riammesso a sedersi a tavola accanto ai suoi compagni. È la vicenda che riguarda Antonio, un 30enne autistico, che frequenta la struttura "Il gabbiano" di Pesaro, gestita dalla cooperativa "Il Labirinto". Il suo legale, l’avvocato Pia Perricci, ha fatto ricorso contro quell’esclusione e il giudice le ha dato ragione. Tutto comincia il 27 novembre scorso, quando, sulla base di una direttiva dell’Asur, i gestori de "Il gabbiano" fanno presente ad Antonio e alla sua mamma, che non può più mangiare nella mensa del centro diurno perché non aveva il green pass. "Il mio assistito – spiega il legale – non è stato vaccinato contro il Covid. I suoi genitori hanno paura che possa provocargli reazioni gravi. In più, vista la difficoltà di fargli i tamponi, la struttura aveva deciso di fare il test ai genitori ogni 15 giorni. In questo modo, Antonio mangiava in mensa con tutti gli altri. Fino a quando arriva la direttiva dell’Asur che lo lascia fuori". Una decisione che "non ha un fondamento – continua – Quella del green pass per noi è una richiesta illegittima". Partono le prime carte bollate. "Faccio una diffida ad Area vasta e Labirinto, ma non succede nulla. Antonio continua a essere escluso dalla mensa". Non resta che arrivare alla linea dura. "Presento ricorso – continua – e ieri il giudice Storti ci ha dato ragione. Nella sua ordinanza, ha detto chiaramente che sono illegittimi i provvedimenti che richiedono agli utenti dei centri socio sanitari il possesso del green pass per entrare nelle mense. Ha spiegato che hanno erroneamente applicato la normativa prevista per i dipendenti delle mense e dei servizi catering. Ma in questo caso non si tratta di lavoratori, ma di utenti, proprio come lo è Antonio e tutti quelli come lui". Da oggi quindi Antonio torna in mensa. "Sono contenta che finalmente si stiano riconoscendo i diritti alla persona – conclude Perricci – Lo stesso giudice parla di lesione di diritti. Non è intenzione della mia cliente né mia di chiedere risarcimento danni per il periodo in cui è stato allontanato. Penso però che questa decisione potrebbe applicarsi anche alle mense e biblioteche universitarie dove gli studenti per ora possono entrare solo col green pass. Aggiungo che questa decisione dimostra che non bisogna avere paura ad andare in tribunale perché c’è sempre qualche giudice disposto ad ascoltare".'

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady