carceri

Carceri, Beneduci (Osapp): «Polizia penitenziaria delegittimata, Cartabia ascolta solo il Garante dei detenuti»

Il Mattino di Basilicata
Carceri. Per l'Osapp è necessario nominare una figura femminile a capo dell'amministrazione penitenziaria

«Le ultime disposizioni sulle perquisizioni nelle carceri solo previa preventiva informazione al Garante Nazionale dei detenuti, come da direttive impartite dalla Ministra Marta Cartabia oltre a delegittimare i compiti e le funzioni di Polizia Giudiziaria e di Pubblica Sicurezza del Corpo di Polizia Penitenziaria di fatto, inibendo la possibilità di rinvenire, a sorpresa nelle sezioni detentive, telefonini droga ed armi, stanno rendendo meno sicuri gli istituti di pena e nella sostanza la Società civile che dal carcere riceve, poi a fine pena, soggetti persino peggiorati nell’indole criminale». E’ quanto si legge in una nota a firma di Leo Beneduci segretario generale dell’Osapp (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria).
«Purtroppo - prosegue il sindacalista - in un sistema penitenziario completamente sbilanciato in favore dei detenuti per la molteplicità di organi a tutela dei ristretti (Garanti nazionali e territoriali, Magistratura di Sorveglianza, Magistratura ordinaria per i . Comitati contro la tortura, Associazioni di volontariato etc.) ed a fronte del pressochè nulla esistente a tutela del Personale di Polizia Penitenziaria, sindacati a parte, limitare ulteriormente le possibilità di prevenzione delle violenze e delle illegalità nel carcere costituisce un attacco diretto oltre che per l’incolumità degli addetti alla stessa funzionalità del sistema» A detta di Leo Beneduci: «Con la Ministra Marta Cartabia, la speranza di ottenere nel Governo del Paese una Guardasigilli anche Ministra della Polizia Penitenziaria che restituisca giustizia, riconoscimento e garanzie istituzionali al Corpo, per quello che è e che merita, è miseramente fallito ed è significativo che la stessa Ministra presti esclusivo ascolto al Garante Nazionale dei detenuti Mauro PALMA, ovvero che pensi di risolvere i problemi del carcere istituendo Commissioni su base accademica come se i problemi e le disfunzioni del carcere siano questioni che solo le Università potrebbero affrontare. Gravemente significativo, infatti, e comprovante un tentativo neanche troppo nascosto di esautorare del tutto la Polizia Penitenziaria, il fatto che la stessa Guardasigilli, benchè insigne e chiarissima docente di Diritto Costituzionale, presti ascolto ad una Autorità priva di rilevanza costituzionale qual’è il Garante Nazionale dei detenuti Mauro PALMA e disdegni del tutto le Organizzazioni Sindacali di cui la Carta costituzionale fa più volte menzione. Contro tale progetto di palese squalificazione della Polizia Penitenziaria e di chi la rappresenta – conclude Beneduci – l’Osapp darà concreta e pubblica risposta, se ne necessario e qualora manchi l’appoggio nella Politica Italiana presso le Autorità e Organi dell’Unione Europea».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady