cure domiciliari covid19

Informazione e pluralismo : il "Comitato Cura Domiciliare Covid19" in pressing sul servizio pubblico

«Nonostante i ripetuti inviti e comunicati stampa inviati, relativamente al lavoro svolto dai medici del Comitato e dal gruppo #terapiadomiciliarecovid19, salvo rarissime occasioni, non abbiamo mai ricevuto alcun riscontro da parte delle redazioni Rai nazionali il prossimo 29 giugno, alle ore 18, presidi simultanei all’esterno delle sedi regionali Rai, dall’Unione, per chiedere conto dell’omessa trattazione del tema delle cure domiciliari precoci da parte della tv pubblica»

Il Mattino di Basilicata
Informazione e pluralismo : il "Comitato Cura Domiciliare Covid19" in pressing sul servizio pubblico

Di seguito la nota integrale dell'Ucdl
«L'Unione per le Cure e i Diritti e le Libertà, associazione di cittadini a supporto del Comitato Cura Domiciliare Covid 19, ha organizzato per il prossimo 29 giugno, alle ore 18, presidi simultanei all’esterno
delle sedi regionali Rai, dall’Unione, per chiedere conto dell’omessa trattazione del tema delle cure domiciliari precoci da parte della televisione pubblica. L'iniziativa è stata comunicata a tutta la dirigenza Rai, partendo dal Presidente Foa. Il servizio pubblico, proprio nella sua declinazione naturale, dovrebbe garantire la libera informazione e raccontare agli italiani ogni singolo aspetto rilevante, garantendo pluralismo e diritto di replica, a maggior ragione in una situazione come quella che stiamo vivendo da oltre un anno. Nonostante i ripetuti inviti e comunicati stampa inviati dal Comitato Cura Domiciliare Covid-19, relativamente a tutto il lavoro svolto dai medici del Comitato e dal gruppo #terapiadomiciliarecovid19inogniregione, che su Facebook ha raggiunto mezzo milione di iscritti, salvo rarissime occasioni, non abbiamo mai ricevuto alcun riscontro da parte delle redazioni Rai nazionali. Nulla è stato raccontato sui siti di informazione Rai o dai telegiornali, circa l’impegno dei medici del gruppo relativamente all’assistenza e al supporto domiciliare reso a migliaia di persone dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Nulla è stato raccontato del dialogo con le istituzioni regionali, con il sottosegretario alla Salute Sileri, incontrato presso la sede del Ministero per avviare un tavolo di lavoro, così come del voto del Senato dello scorso 8 aprile, con cui praticamente all’unanimità si impegnava il Governo a revisionare i protocolli di cura domiciliare, tenendo conto delle esperienze fatte sul campo anche dai medici di questo gruppo. Nulla è stato raccontato di ogni singola battaglia arrivata in Tribunale (al Tar e al Consiglio di Stato), dall’avvocato Erich Grimaldi, per garantire il diritto alla cura tempestiva domiciliare e la modifica delle linee guida di cura domiciliare. Nulla è stato raccontato quando il ministro Speranza ha disatteso la decisione del Senato ed ha affidato, senza alcun confronto con il sottosegretario, la revisione delle linee guida al dipartimento di prevenzione, non considerando il coinvolgimento dei medici del comitato come avviato dal sottosegretario Sileri. Nulla è stato raccontato circa le Conferenze Nazionali, organizzate in piazza del Popolo a Roma e Piazza del Duomo a Milano, rispettivamente in data 8 maggio e 6 giugno 2021, con oltre 15 mila persone presenti e numerose testimonianze di medici e cittadini guariti dal Covid, a domicilio, grazie al supporto del gruppo. Ci sono tanti aspetti da considerare in questa emergenza, che la televisione pubblica, per cui i cittadini pagano il canone in bolletta, con la sua illustre funzione, non dovrebbe ignorare. A questo proposito ci siamo rivolti alla commissione di vigilanza Rai perché faccia chiarezza sui motivi per cui le nostre comunicazioni siano state sistematicamente ignorate». «Si tratta di una manifestazione simultanea - aggiunge l'avvocato Erich Grimaldi - con regolare preavviso alla Questura, che si terrà martedì 29 giugno 2021, dalle ore 18, all’esterno delle sedi Rai di tutta Italia, avendo richiesto, con precedente comunicazione, al Presidente Foa e ai dirigenti delle sedi regionali di ricevere, un nostro referente, al fine di ottenere chiarimenti, con riferimento al rispetto della pluralità di informazioni in ordine all’emergenza sanitaria, alle cure domiciliari ed alla campagna di vaccinazione, ad esempio - conclude Grimaldi - relativamente al consenso informato e alla vaccino vigilanza attiva e passiva che la televisione pubblica dovrebbe affrontare con maggiore chiarezza e trasparenza, proprio per supportare i cittadini in un momento delicato come questo».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady