Focus

Il paradosso statistico dell'Italia di Mancini

Dal 28 maggio 2018 quando Roberto Mancini prende le redini della Nazionale, colleziona 1 vittoria, 2 pareggi e 1 sconfitta, prima di superare il record di risultati positivi.

Il Corriere Redazione

07 Aprile 2022 - 13:47

Il paradosso statistico dell'Italia di Mancini

Fino al 15 novembre 2021 l'Italia di Mancini aveva disputato 46 gare e ottenuto 30 vittorie, 13 pareggi e soltanto 3 sconfitte. La media realizzativa di 2 gol a partita sfonda quota 100 per arrivare a 102 gol realizzati, 23 sono le reti subite. Fino al 24 marzo 2022 la percentuale di vittorie era del 65,22% ma la sconfitta contro la Macedonia del Nord ha vanificato tutto e al Mondiale possiamo dire Ciao Ciao.

Le quote calcio fino a qualche settimana fa davano l'Italia tra le favorite perché posizionata al sesto posto del ranking FIFA, dietro a Belgio, Brasile, Francia, Argentina e Inghilterra. Questa altura quasi da vertigine era stata ottenuta soprattutto grazie alla vittoria di Euro 2020 nel luglio 2021, impresa che aveva proiettato gli Azzurri a ottenere grandissima fiducia dai tifosi ma qualcosa si è rotto tra il mese estivo e quel maledetto 24 marzo 2022, che è stato il secondo capitolo del peggior film dell'orrore Italia – Svezia del 13 – 11 – 2017.

Ma come hanno fatto gli Azzurri a vincere l'Europeo?

La domanda sorge spontanea, soprattutto alla luce del fatto che nelle scommesse vincenti Champions League 2022 le squadre italiane sono quotate sempre con valori alti e non riescono quasi mai a superare gli ottavi di finale, la Semifinale raggiunta dalla Roma qualche anno fa e le finali perse dalla Juventus, valgono ben poco. In Europa League la questione è identica salvo qualche rara eccezione (come la finale disputata dall'Inter di Conte qualche anno fa) ma il risultato è sempre lo stesso: zero titoli. Tuttavia, dal 28 maggio 2018 quando Roberto Mancini prende le redini della Nazionale, colleziona 1 vittoria, 2 pareggi e 1 sconfitta, prima di superare il record di risultati positivi. L'11 luglio 2021 arriva l'Europeo. Tutto comincia con 9 punti nei gironi di qualificazione: 10 gol segnati e 1 subito in 3 partite. Agli ottavi l'Austria ci mette in difficoltà ma Chiesa sblocca il risultato nei tempi supplementari e Pessina timbra il cartellino per i quarti. Il Belgio che è la capolista del ranking FIFA viene battuto per 2 – 1 e gli spagnoli in semifinale vengono fermati sul risultato di 1 – 1 e poi vinti ai rigori. Uguale il film della finalissima contro l'Inghilterra: 1 – 1 e vittoria ai rigori. L'Italia vince l'Europeo.

37: il record assoluto di risultati utili consecutivi

Torniamo un passo indietro al 10 ottobre 2018 quando si gioca l'amichevole contro l'Ucraina che termina per 1 – 1, da qui parte una galoppata feroce che proietta gli uomini di Mancini oltre l'orizzonte del record di 35 gare consecutive senza sconfitte, impresa che apparteneva soltanto alla Spagna di Aragones e Del Bosque (2007 – 2009), e del Brasile di Pereira e Zagallo (1993 – 1996). Dopo l'Europeo arrivano altri due pareggi e una vittoria e gli Azzurri sfondano il muro dei 37 risultati utili consecutivi in gare ufficiali e amichevoli senza mai perdere.

Il paradosso delle statistiche di Mancini con gli Azzurri

Liechtenstein, Armenia (contro cui gli Azzurri s'imposero per 9 – 1), Moldavia, Estonia, Lituania, San Marino, sono tutte squadre che hanno contribuito al record azzurro e nonostante non siano delle teste di serie, le vittorie importanti contro Belgio, Inghilterra, Spagna, Bosnia Erzegovina rimangono un piatto magro, bilanciato da una grande abbuffata di pareggi. Fino al 15 novembre 2021 l'Italia di Mancini aveva disputato 46 gare e ottenuto 30 vittorie, 13 pareggi e soltanto 3 sconfitte. La media realizzativa di 2 gol a partita sfonda quota 100 per arrivare a 102 gol realizzati, 23 sono le reti subite. Fino al 24 marzo 2022 la percentuale di vittorie era del 65,22% ma la sconfitta contro la Macedonia del Nord ha vanificato tutto e al Mondiale possiamo dire Ciao Ciao.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady