Consuoceri, parenti e vicini di casa in corsa per le nomine in Forza Italia.

Redazione

07 Ottobre 2021 - 16:22

Consuoceri, parenti e vicini di casa in corsa per le nomine in Forza Italia.

Nominato Occhiuto, per il posto di capogruppo di Forza Italia in lizza il consuocero di Tajani e Sestino Giacomoni da Barelli definito una “suppellettile di Arcore” ...A Forza Italia davvero siamo ai saldi di fine stagione.

Barelli, presidente della Federazione Italiana Nuoto, sta facendo il diavolo a quattro per essere nominato capogruppo di Forza Italia. Il Figlio di Barelli è il fidanzato della figlia di Tajani. E quindi Barelli gode del sostegno incondizionato dell’ex Presidente del Parlamento europeo ora suo consuocero.

L’altro contendente al posto così ambito è, da anni, un fedelissimo di Silvio Berlusconi, Sestino Giacomoni, definito impunemente da Barelli una “suppellettile di Arcore.. “.

...Si sa che la storia quando si ripete diventa farsa. Ma qui siamo ben oltre le comiche finali!!

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady