Dietro le corse

Il business impressionante che "corre" in Formula 1: la formazione del budget di una scuderia

Spesso e volentieri si tende a focalizzarsi solo ed esclusivamente sulla componente sportiva, dimenticando un po’ quanto sia enorme il lavoro che ci sia alle spalle anche di una gestione corretta del budget in una scuderia.

Il Corriere Redazione
Il business impressionante che "corre" in Formula 1: la formazione del budget di una scuderia

Come ben sanno anche gli appassionati di scommesse sportive, la corsa verso il titolo mondiale si gioca anche sui delicatissimi equilibri finanziari ed economici delle diverse scuderie che si danno ogni anno battaglia. Le squadre, infatti, devono affrontare dei costi veramente molto alti in riferimento alla partecipazione al Campionato Mondiale.

L’equilibrio a livello economico deve essere presente in qualsiasi azienda, ma anche in tantissime attività sportive è fondamentale prestare la massima attenzione a raggiungere un buon bilanciamento tra spese ed entrate. La gestione di tale equilibrio è delicata e costellata da un gran numero di difficoltà. Anche in F1, nonostante si tratta di una delle discipline più ricche, gli effetti della pandemia si sono fatti sentire a livello economico e i vari team hanno dovuto prestare ancora più attenzione del solito ai propri bilanci. Come ben sanno anche gli appassionati di scommesse sportive, la corsa verso il titolo mondiale si gioca anche sui delicatissimi equilibri finanziari ed economici delle diverse scuderie che si danno ogni anno battaglia. Le squadre, infatti, devono affrontare dei costi veramente molto alti in riferimento alla partecipazione al Campionato Mondiale.

Il budget, un elemento fondamentale per una scuderia di F1

Spesso e volentieri si tende a focalizzarsi solo ed esclusivamente sulla componente sportiva, dimenticando un po’ quanto sia enorme il lavoro che ci sia alle spalle anche di una gestione corretta del budget in una scuderia. Dal momento che il margine di errore in una disciplina sportiva è, spesso e volentieri, limitata a qualche decimo di secondo al giro, è chiaro che il lavoro di sviluppo durante la stagione è fondamentale per provare a ridurre il più possibile il gap rispetto agli avversari e, al contempo, aumentare il più possibile le proprie prestazioni. Tutto questo lavoro di sviluppo, però, ha dei costi ben precisi, non solo dal punto di vista della progettazione, ma anche in riferimenti agli aspetti che vengono migliorati di volta in volta. Ed ecco che, come viene messo in evidenza anche dall’articolo apparso sul blog sportivo L’insider, la gestione del budget è davvero fondamentale, soprattutto per via del fatto che le scelte economico-finanziarie di ogni squadra possono rivelarsi importanti quanto le decisioni che vengono prese in pista.

I costi di sviluppo delle monoposto

Tra gli elementi che vanno a incidere di più sul budget complessivo di un team di Formula Uno, troviamo senza ombra di dubbio i costi di produzione, così come le materie prime, senza dimenticare ovviamente anche servizi di vario tipo, il godimento di beni di terzi e, naturalmente, i salari degli operati e gli stipendi dei vari dipendenti, piloti compresi. Tra le voci più interessanti da analizzare, dobbiamo mettere in evidenza come i costi di produzione siano davvero fondamentali in relazione al budget, visto che comprendono tutti quei costi legati alle attività che sono state effettuate nel corso dell’anno. Con il passare del tempo, in Formula Uno, tale voce incide sempre di più sul budget. Anche se c’è da registrare come la scelta della FIA di fissare dei limiti da rispettare per quanto riguarda lo sviluppo ha permesso di ridurre o quantomeno limitare queste spese, che già comunque si sono affievolite per via dell’emergenza pandemica.

Nelle materie prime ci sono tutte quelle spese che sono legate alla realizzazione fisica della monoposto, ma anche alle varie attività di collaudo, così come alle omologazioni e alla realizzazione dei vari prototipi. Nei salari e stipendi probabilmente si racchiude un’altra voce fondamentale, dato che nel mondo della F1 si è costantemente alla ricerca dei migliori professionisti, che vengono pagati fior di quattrini pur di vedere crescere passo dopo passo le prestazioni della propria vettura. Si tratta di un ruolo fondamentale per qualsiasi scuderia e tali risorse vanno differenziate in generiche e specifiche, con le prime che si suddividono a loro volta in risorse di conoscenza e di fiducia. 

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady