Tecnologia da pandemia

Una app sfrutta i satelliti per segnalare i luoghi affollati

Un'app gratuita che aiuta le persone a rispettare il distanziamento sociale per rallentare la diffusione del Coronavirus. Si chiama "Crowdless" ("senza folla") ed è stata ideata da Lanterne, una start-up britannica supportata da ESA.

Il Corriere Redazione
Una app sfrutta i satelliti per segnalare i luoghi affollati

L'app "Crowdless" - spiega l'Agenzia spaziale europea - utilizza sorgenti dati esistenti rese anonime, come ad esempio i dati di Google Maps e Google Places, che tracciano i movimenti dei dispositivi mobili. Combina questa informazione con i dati relativi all'affollamento chiedendo all'utente di confermare se il luogo è veramente affollato oppure no.

Continua a leggere l'articolo abbonandoti

Sei solo tu a decidere se il nostro impegno vale: sostienilo, con un terzo di quello che spenderesti al giorno per un caffè

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady

El Diegon: il dialogo platonico su Maradona

El Diegon: il dialogo platonico su Maradona

L'Ironlady

Dacia e le donne, antiche e contemporanee

Dacia Maraini

Dacia e le donne, antiche e contemporanee

L'Ironlady

Kamala, non solo una Penelope che va alla guerra

Kamala, non solo una Penelope che va alla guerra

L'Ironlady