Il caso

Chiese libere dal green pass per la messa, i vescovi dicono no a Draghi

Il Draghi eroe della lotta al Covid, che non risparmia nessuno al fronte, non fa invece prigioniera la Chiesa, lasciando una discutibilissima zona d’ombra nell’estensione del green pass alle messe.

Il Corriere Redazione

08 Gennaio 2022 - 13:14

Chiese libere dal green pass per la messa, i vescovi dicono no a Draghi

Vincenzo Corrado, direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali della Cei

“Le norme stabilite dal Protocollo tra la Cei e il governo consentono di fronteggiare l’attuale situazione pandemica. Senza necessità di introdurre il green pass anche a messa” , dice il direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali della Cei (la Conferenza Episcopale Italiana, cioè il parlamento dei vescovi), Vincenzo Corrado

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady