Il caso

Grave giovane insegnante di Gela vaccinata con AstraZeneca: il lotto è diverso da quello ritirato nei giorni scorsi

La Procura di Gela (Caltanissetta) ha aperto una inchiesta su una insegnante di 37 anni ricoverata in gravi condizioni in ospedale per una emorragia cerebrale. Lo scorso primo marzo la docente aveva fatto il vaccino AstraZeneca.

Il Corriere Redazione

13 Marzo 2021 - 21:29

La Danimarca sospende la somministrazione del vaccino AstraZeneca

Il Procuratore Fernando Asaro ha sequestrato le cartelle cliniche e tutta la documentazione sul vaccino. La donna ha avuto una emorragia cerebrale lo scorso 11 marzo e da allora è in Rianimazione. Sono in corso accertamenti preliminari "per verificare la situazione sanitaria dal momento del vaccino ad oggi", come spiegano da ambienti giudiziari. Il lotto del vaccino è diverso rispetto a quello fatto dal maresciallo della Marina militare morto dopo il vaccino. 

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

La campagna elettorale tra promesse e litigi

La campagna elettorale tra promesse e litigi

Cono d'ombra

Come nel 1948, l'Italia a un bivio

Come nel 1948, l'Italia a un bivio

Cono d'ombra

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA