La curiosità anti Covid

Per evitare assembramenti, a Lauro in Irpinia il sindaco fa sparire le panchine

Per evitare che anziani e giovani si ritrovino nel paese troppo vicini e in un numero che non puo' sembrare congruo rispetto al concetto di assembramento, da tutte le strade del paese sono scomparse le panchine.

Il Corriere Redazione

30 Maggio 2020 - 13:20

Per evitare assembramenti, a Lauro in Irpinia il sindaco fa sparire le panchine

Il sindaco di Lauro, Antonio Bossone

Evitare assembramenti a tutti i costi, anche con provvedimenti che possano scatenare le proteste dei cittadini. E' cosi' che il sindaco di un paesee irpino, Lauro, Antonio Bossone, ha deciso di agire, nonostante le riaperture decise sia dal governo centrale che dall'amministrazione regionale dal 18 maggio scorso in poi.

Accedi per continuare la lettura

Se hai un abbonamento, ACCEDI per leggere l'articolo e tutti gli approfondimenti.

Altrimenti, scopri l'abbonamento a te dedicato tra le nostre proposte.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady