La rassegna

Paolo Taviani bandiera dell'Italia al 72esimo Festival del cinema di Berlino

“Leonora addio”, primo dei 5 titoli italiani in programma al Festival ed unico in concorso, è il primo film girato da Paolo Taviani dalla morte dell’inseparabile fratello Vittorio

Lucia La Gatta

08 Febbraio 2022 - 15:01

Sono rappresentate produzioni da 15 paesi, 17 film sono anteprime mondiali e 7 sono stati diretti da donne. Questi alcuni dei numeri della Berlinale 2022 che prevede complessivamente la proiezione di 170 pellicole.

Sarà il regista novantenne Paolo Taviani a rappresentare l’Italia in corsa per l’Orso d’Oro e l’Orso Argento al 72 esimo Festival di Berlino. Diciotto i titoli in concorso che quest’anno dal 10 febbraio si contenderanno le due preziose statuette. Sono rappresentate produzioni da 15 paesi, 17 film sono anteprime mondiali e 7 sono stati diretti da donne. Questi alcuni dei numeri della Berlinale 2022 che prevede complessivamente la proiezione di 170 pellicole.

“Leonora addio”, primo dei 5 titoli italiani in programma al Festival ed unico in concorso, è il primo film girato da Paolo Taviani dalla morte dell’inseparabile fratello Vittorio. Insieme 10 anni fa vinsero l’Orso d’Oro con “Cesare deve morire”. Il film di Taviani, interpretato da Fabrizio Ferracane con Matteo Pittiruti, Dania Marino, Dora Becker e Claudio Bigagli, musiche di Nicola Piovani,è il racconto dell’odissea delle ceneri di Pirandello e il movimentato viaggio dell’urna da Roma ad Agrigento, fino alla sepoltura avvenuta quindici anni dopo la morte. A chiudere il film è l’ultimo racconto di Pirandello scritto venti giorni prima di morire: “Il chiodo” dove il giovane Bastianeddu, strappato in Sicilia dalle braccia della madre e costretto a seguire il padre al di là dell’oceano, non riesce a sanare la ferita che lo spinge a un gesto insensato. A dieci anni dal suo ultimo film, nella sezione “Special Gala”, invece, sarà proiettato “Occhiali Neri”, di Dario Argento. Nel cast del film, che racconta di una ragazza cieca tormentata da un serial killer, la figlia del regista Asia, Ilenia Pastorelli, Andrea Gherpelli e il piccolo Xinyu Zhang.

Ma la selezione italiana di Berlinale 72 annovera anche: “Calcinculo” di Chiara Bellosi, “Nelmio Nome” di Nicolò Bassetti e “Una femmina”di Francesco Costabile tutti e tre nella Sezione Panorama, la sezione d’elezione per le proposte LGBT e in concorso per i “Teddy Awards", i premi riservati a questa tematica. Il film della Bellosi è il racconto di formazione della quindicenne Benedetta e della sua amicizia con la transgender Amanda interpretata da Andrea Carpenzano; Bassetti, invece, propone un ritratto corale sulla ricerca di sé attraverso quattro amici trans di diverse città e conta su un produttore esecutivo d’eccezione, l’attore americano Elliot Page; ed infine, “Una Femmina”, opera prima di Francesco Costabile è un film dove la violenza sul corpo delle donne è al centro della narrazione. Quella di Rosa è la storia di tante donne che si ribellano a destini già segnati.

E nell’anno del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, non poteva mancare, nel novero delle tante celebrazioni previste, anche un omaggio da parte del Festival di Berlino. "Mamma Roma", fresca di restauro ad opera della Cineteca Nazionale e del Centro sperimentale di cinematografia, aprirà la Sezione Berlinale Classic. Testimonianza di quel rapporto che legava il regista bolognese con il Festival di Berlino, confermato dall’Orso d’Argento per “Il Decameron” nel ‘71 e dall’Orso d’Oro per “I Racconti di Canterbury” nel 1972. Ma la Cineteca in questa 72 esima edizione sarà presente anche grazie al saggio di diploma alla Scuola nazionale di cinema di Lorenzo Tardella, infatti, il suo “Le variabili dipendenti” è stato selezionato nella Sezione Generation Kplus. Il cortometraggio interpretato da Simone Evangelista e Mattia Rega è una riflessione sul tema dell’ingresso nell’adolescenza, che si interroga sul significato dell’intimità attraverso le storie dei giovanissimi Pietro e Tommaso. La kermesse tedesca, che torna in presenza dal 10 al 20 febbraio, si aprirà con la proiezione del film, in concorso, “Peter Von Kant” di François Ozon, lungometraggio tratto da “Le lacrime amare di Petra von Kant”; nel cast Denis Menochet, Isabelle Adjani e Hanna Schygulla.


FILM IN CONCORSO


AEIOU - A Quick Alphabet of Love

Germania / Francia di Nicolette Krebitz
con Sophie Rois, Udo Kier, Milan Herms, Nicolas Bridet Anteprima
mondiale

Alcarràs
Spagna / Italia
di Carla Simón
con Jordi Pujol Dolcet, Anna Otin, Xènia Roset, Albert Bosch, Ainet Jounou, Josep Abad Anteprima
mondiale

Both Sides of the Blade
Francia
di Claire Denis
con Juliette Binoche, Vincent Lindon, Grégoire Colin, Bulle Ogier
Prima mondiale

Call Jane
USA
di Phyllis Nagy
con Elizabeth Banks, Sigourney Weaver, Kate Mara
International premiere

A Piece of Sky
Svizzera / Germania
di Michael Koch
con Michèle Brand, Simon Wisler Anteprima
mondiale

“Everything Will Be Ok”
Francia / Cambogia
di Rithy Panh Anteprima
mondiale / modulo documentario

The Line
Svizzera / Francia / Belgio
di Ursula Meier
con Stéphanie Blanchoud, Valeria Bruni Tedeschi, Elli Spagnolo
Prima mondiale

Leonora addio
Italia
di Paolo Taviani
con Fabrizio Ferracane, Matteo Pittiruti, Dania Marino, Dora Becker
Prima mondiale

“The Passengers of the Night”
Francia
di Mikhaël Hers
con Charlotte Gainsbourg, Quito Rayon-Richter, Noée Abita, Megan Northam, Thibault Vinçon, Emmanuelle Béart
Prima mondiale

Before, Now & Then
Indonesia
di Kamila Andini
con Happy Salma, Laura Basuki, Arswendy Bening Swara, Ibnu Jamil
Prima mondiale

Peter von Kant
France
di François Ozon
con Denis Ménochet, Isabelle Adjani, Hanna Schygulla
Prima mondiale / film di apertura

Rabiye Kurnaz vs. George W. Bush
Germania / Francia
di Andreas Dresen
con Meltem Kaptan, Alexander Scheer Anteprima
mondiale

Rimini
Austria / Francia / Germania
di Ulrich Seidl
con Michael Thomas, Hans-Michael Rehberg, Tessa Göttlicher, Inge Maux, Claudia Martini, Georg Friedrich
Prima mondiale

Robe of Gems
Messico / Argentina / USA
di Natalia López Gallardo
con Nailea Norvind, Antonia Olivares, Aida Roa
Prima mondiale / film d'esordio

The Novelist's Film

Corea del Sud
di Hong Sangsoo
con Lee Hyeyoung, Kim Minhee, Seo Younghwa Anteprima
mondiale

One Year, One Night
Spagna / Francia
di Isaki Lacuesta
con Nahuel Pérez Biscayart, Noémie Merlant, Quim Gutiérrez
Prima mondiale

That Kind of Summer

Canada
di Denis Côté
con Larissa Corriveau, Aude Mathieu, Laure Giappiconi, Anne Ratte Polle, Samir Guesmi
Prima mondiale

Return to Dust
Repubblica popolare cinese
di Li Ruijun
con Wu Renlin, Hai Qing Anteprima
mondiale

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady