Verso la 78esima mostra del cinema

A Venezia il ruggito dei grandi per il Leone d'oro

Sarà una sfida tra i grandi del cinema internazionale la 78esima edizione della Mostra del cinema di Venezia che si terrà dall'1 all'11 settembre. Sarà soprattutto una sfida molto italiana

Lucia La Gatta

Svelati i 21 film e registi in corsa alla 78^ Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, tra loro cinque italiani e precisamente Fabio e Damiano D'Innocenzo con “America Latina”, Gabriele Mainetti con “Freaks out”, Michelangelo Frammartino con “Il buco”, Mario Martone con “Qui rido io” e Paolo Sorrentino con “È stata la mano di Dio”.

Mentre Cannes è ormai in archivio con il solito strascico di polemiche, di contenti e scontenti, di gaffe, di star e starlette, Venezia si muove a grandi passi pronta far ruggire il suo Leone d’oro. Svelati i 21 film e registi in corsa alla 78^ Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, tra loro cinque italiani e precisamente Fabio e Damiano D'Innocenzo con “America Latina”, Gabriele Mainetti con “Freaks out”, Michelangelo Frammartino con “Il buco”, Mario Martone con “Qui rido io” e Paolo Sorrentino con “È stata la mano di Dio”.

Tra i ventuno registi in gara a Venezia dal 1 all’11 settembre, ci sono cinque registe: Ana Lily Armipour con Mona Lisa and the Blood Moons; Jane Campion porta The power of the dog; c’è Audrey Diwan, scrittrice e sceneggiatrice francese, al secondo film da regista con L'événement; Maggie Gyllenhaal, si cimenta con The lost daughter adattamento de La figlia oscura di Elena Ferrante e infine firmano a quattro mani Natasha Merkulova e Aleksey Chupov “La fuga del capitano Volkonogov”. A far loro compagnia troviamo Pablo Larraín con “Spencer” (sulla principessa Diana), l'americano Paul Schrader con “The Card Counter”, il francese Stéphane Brizé con “Un autre monde”, il duo argentino Mariano Cohn-Gaston Duprát con “Competencia oficial”, il messicano Michel Franco con “Sundown”, e il francese Xavier Giannoli con “Illusions perdues”.
La giuria sarà presieduta da Bong Joon-ho: quello di Parasite, il film che gli valse la Palma d'oro a Cannes 2019, un Golden globe e ben 4 Oscar. Con lui siederanno Saverio Costanzo,regista e sceneggiatore, che ha presentato a Venezia “La solitudine dei numeri primi” (2010), tratto dal romanzo omonimo di Paolo Giordano, e regista della serie tv “L’amica geniale”; il rumeno, tedesco d'adozione, Alexander Nanau,in corsa agli Oscar 2021 con il documentario “Collective”per la categoria miglior film straniero. Il resto – si fa per dire – della giuria è composto da un magnifico poker di donne: Chloé Zhao, Virginie Efira, Cynthia Erivoe Sarah Gadon. La prima resa universalmente famosa dal suo ultimo film “Nomadland” prima proprio a Venezia e poi agli Oscar 2021; Virginie Efira l’attrice belga che al Festival di Cannes 2021 ha scandalizzato la platea per “Benedetta”, storia saffica di una suora; Cynthia Erivo cantante e attrice inglese che si è aggiudicata una nomination agli Emmy Awards per la sua interpretazione di Aretha Franklin nella serie tv “Genius”, infine, la canadese Sarah Gadonattrice feticcio del celebre regista David Cronenberg.

Annunciato anche il film che aprirà il Festival al via il prossimo 1° settembre. Si tratta di “Madres Paralelas” di Pedro Almodóvar, ritratto intenso e sensibile di due donne che si misurano con i temi di una maternità dai risvolti imprevedibili, della solidarietà femminile, di una sessualità vissuta in libertà, sullo sfondo di una riflessione sulla necessità della verità da perseguire senza esitazioni. Nel cast l'immancabile Penélope Cruz, insieme a Milena Smit, Israel Elejalde, Aitana Sánchez-Gijón, e con la partecipazione di Julieta Serrano e Rossy de Palma.
Intanto uno dei film più attesi dell’anno sarà proiettato in prima mondiale proprio al Festival, si tratta di “Dune”, di Denis Villeneuve. L’adattamento per il grande schermo dell’omonimo romanzo di fantascienza del 1965 di Frank Herbert, proponeun cast stellare composto da Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Zendaya, Charlotte Rampling, Jason Momoae Javier Bardem. La proiezione è prevista per venerdì 3 settembre 2021nella Sala Grande del Palazzo del Cinema al Lido di Venezia.


I FILM IN CONCORSO
Madres Paralelas - Pedro Almodovar
Mona Lisa and the blood moon - Ana Lily Amirpour
Un autre monde - Stéphane Brizè
The power of the dog - Jane Campion
America Latina - Damiano e Fabio D'Innocenzo
L'événement - Audrey Diwan
Competencia oficial - Gastòn Duprat/Mariano Cohn
Il buco - Michelangelo Frammartino
Sundown - Michel Franco
Illusions perdues - Xavier Giannoli
The lost daughter - Maggie Gyllenhaal
Spencer - Pablo Larraìn
Freaks out - Gabriele Mainetti
Qui rido io - Mario Martone
On the job: the missing 8 - Erik Matti
Zeby nie bylo sladow (Leave no traces) - Jan P. Matuszynski
Captain Volkonogov escaped - Natasha Merkulova/Aleksey Chupov
The card counter - Paul Schrader
È stata la mano di Dio - Paolo Sorrentino
Vidblysk (Reflection) - Valentyn Vasyanovych
La caja - Lorenzo Vigas

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady