L'appuntamento

A Berchidda, in Sardegna, tutte le stelle di Fresu per il “Time in Jazz 2021”

Saranno le “stelle/isteddhos”, a caratterizzare il “Time in Jazz 2021”, che si terrà dal 7 al 16 agosto, a Berchidda, piccolo angolo di Sardegna fra Gallura e Logudoro.

Lucia La Gatta

In oltre trent’anni, Paolo Fresu, che capeggiava quel piccolo gruppetto di “scommettitori” non è mai venuto meno ai suoi intenti iniziali e oggi il Festival Internazionale Time in Jazz è uno dei più importanti appuntamenti culturali europei, un evento capace di richiamare ogni estate 40 mila spettatori in questo angolo di Sardegna.

Saranno le “stelle/isteddhos”, a caratterizzare il “Time in Jazz 2021”, che si terrà dal 7 al 16 agosto, a Berchidda, piccolo angolo di Sardegna fra Gallura e Logudoro. Il Festival Internazionale nasce, nel 1988 per volere di un piccolo gruppo di persone che oltre trent’anni fa hanno creduto nell’impossibile che diviene possibile: che potesse, cioè, nascere un festival di jazz in un piccolo paese di sole tremila anime, lontanissimo dalle centralità culturali dell’Italia e del resto del mondo. In oltre trent’anni, Paolo Fresu, che capeggiava quel piccolo gruppetto di “scommettitori” non è mai venuto meno ai suoi intenti iniziali e oggi il Festival Internazionale Time in Jazz è uno dei più importanti appuntamenti culturali europei, un evento capace di richiamare ogni estate 40 mila spettatori in questo angolo di Sardegna. Ogni anno, da allora, un tema diverso caratterizza la kermesse, e quest’anno sono le “stelle/isteddhos” che, “nella loro dinamica immutabilità, nel loro ricordarci che l’eternità appartiene agli astri ma non all’uomo”, hanno da sempre stimolato l’anima e la fantasia di filosofi, scrittori, musicisti, da Dante a David Bowie. E proprio attorno a queste due figure si articolerà il fitto programma del Festival Berchiddese, che tra le altre cose prevede appunto “Sa Divina Cummedia“ (il 13 a Oschiri), che trae origine dalla prima traduzione dell’opera di Dante in sardo fatta da Pietro “Pedru” Casu e verrà portata in scena dal patron del Festival assieme allo scrittore sardo Gavino Ledda e la riproposizione di “Heroes“, un omaggio al Duca Bianco, inserito tra le tracce dell’album pubblicato da Paolo Fresu in occasione del suo 60 esimo compleanno.

Come da tradizione, il cartellone sarà ospitato nei luoghi e negli scenari diventati ormai parte integrante del festival berchiddese e avrà come protagonisti grandi nomi nazionali e internazionali, tra tutti Petra Magoni, Gianluca Petrella, John De Leo, Faso, Christian Mayer, Lars Danielsson, Avishai Cohen, Bombino e tanti altri. Anche quest’anno si terrà poi il “FestivalBar”, la serie di showcase in scena ogni sera nei bar berchiddesi che faranno da apertura alla dieci giorni di Time in Jazz. Protagonisti alcune delle proposte più interessanti del panorama musicale sardo e italiano: Angela Colombino, Bella Socio, Davide Casu, The Giannies, Black Victor & Williboy Taxi, William Rossi, The Blues Against Youth, Lovesick Duo e i Caboose. Tutti gli appuntamenti, come di consueto, saranno a ingresso gratuito, ad eccezione dei concerti in programma sul palco di Piazza del Popolo a Berchidda e dell’omaggio a Fabrizio De André a L’Agnata.

Apre la serie di concerti sul “palco centrale” del festival, l’11 agosto, proprio Paolo Fresu con “Heroes”, il suo tributo a David Bowie che lo vede affiancato alla cantante Petra Magoni, Gianluca Petrella al trombone e all’elettronica, Francesco Diodati alla chitarra, Francesco Ponticelli al basso e Christian Meyer alla batteria. Nel rispetto delle misure anti-Covid, si potrà accedere ai concerti solo con biglietto o abbonamento digitali, scaricabili su smartphone e da esibire all’ingresso, per garantire la possibilità di osservare il distanziamento interpersonale, di evitare gli assembramenti all’ingresso e il contatto fisico con il biglietto cartaceo. I concerti per i quali è previsto invece l’ingresso gratuito, saranno a numero chiuso e con prenotazione obbligatoria: i voucher, senza i quali non sarà possibile accedere alle aree concerti, si potranno prenotare a partire dal 20 luglio, sui canali VivaTicket.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady