Il cinema

Si colora di rosa la festa dei 75 anni dei "Nastri d'Argento", il più antico premio cinematografico italiano

Emma Dante con “Le sorelle Macaluso” porta a casa i premi per miglior film, regia, montaggio, sonoro, produzione e Susanna Nicchiarelli con “Miss Marx”, eletto “film dell’anno”.

Lucia La Gatta

I Nastri è il più antico premio cinematografico italiano, istituito nel 1946 dal Sindacato nazionale giornalisti cinematografici italiani e viene assegnato sulla base di cinquine proposte dal direttivo nazionale composto da giornalisti cinematografici della carta stampata, delle televisioni, delle radio e – dall’epoca contemporanea – di Internet. E nella svolta dei primi 75 anni, i Nastri hanno modificato il regolamento: il miglior film premia da quest’anno anche il miglior produttore.

Spegne 75 candeline e festeggia con film a maggioranza di quote rose, questa edizione dei Nastri d’Argento che ha visto trionfare Emma Dante con “Le sorelle Macaluso”, che porta a casa i premi per miglior film, regia, montaggio, sonoro, produzione e Susanna Nicchiarelli con “Miss Marx”, eletto “film dell’anno”. “Parto da un verso di De André ma tu che vai ma tu rimani' per una dedica alle persone che se ne sono andate, che stanno cercando di rialzarsi, a tutte le donne uccise durante il lockdown, lo dedico ai sopravvissuti”, così la regista siciliana che ha portato sul grande schermo questa sua piece teatrale sospesa tra cielo e terra, tra vita e morte cui fa da collante la forza della sorellanza. Le sorelle Macaluso, è infatti la storia di cinque sorelle (sette nella versione teatrale) dall’infanzia alla vecchiaia, che vivono senza genitori in una casa alla periferia di Palermo che reca in se i segni del tempo che passa. Un film sul tempo, sulla memoria, sulle cose che durano. E sulle persone che restano anche dopo la morte.

Miss Marx, di Susanna Nicchiarelli, invece, è la storia di Tussy la terza figlia di Karl Marx. Il film racconta le contraddizioni esistenziali e la sofferenza di una giovane donna colta e brillante che lotta per l'emancipazione di tutte le donne e per la parità con gli uomini, intellettuali che pur dichiarando di essere aperti ad una nuova visione della società vivono nella contraddizione il loro privato. Tra le prime donne nella storia ad avvicinarsi ai temi del socialismo e al femminismo, Eleanor sarà però vittima del proprio altruismo e dei propri sentimenti.

Grande successo anche per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, il film di Sydney Sibilia sull’isola artificiale sorta nel 1968 al largo di Rimini è stato premiato come miglior commedia, Elio Germano quale migliore protagonista di commedia, Tonino Zera per la migliore scenografia, Francesca Borromeo come miglior casting director (ex-aequo). Pietro Castellitto con I predatori, premiato anche per l’attore non protagonista Massimo Popolizio, si conferma miglior esordiente. Per Cosa sarà di Francesco Bruni, Nastro alla sceneggiatura e a Kim Rossi Stuart, miglior attore protagonista. A Teresa Saponangelo, il Nastro come migliore attrice protagonista per Il buco in testa e Sara Serraiocco, migliore non protagonista per Non odiare. Premiate in ex aequo per la commedia, Miriam Leone (L’amore a domicilio) e Valentina Lodovini (10 giorni con Babbo Natale). Platino per Sophia Loren, protagonista de La vita davanti a sé di Edoardo Ponti premiato con Laura Pausini per la migliore canzone originale già vincitrice del Golden Globe e candidata all’Oscar, scritta nella versione italiana con Niccolò Agliardi.

Nastro speciale a Renato Pozzetto, Nastro Europeo a Colin Firth. Passando, poi, alla musica: premi per la migliore colonna sonora a Stefano Bollani (Carosello Carosone) e per il ‘cameo dell’anno’ a Giuliano Sangiorgi, per la prima volta sullo schermo in Tutti per 1 – 1 per tutti di Giovanni Veronesi.

E tra i riconoscimenti dei giornalisti, grande spazio al cinema giovane con il Nastro per il miglior soggetto a Claudio Noce e Enrico Audenino per Padrenostro, il ventennale del ‘Premio Guglielmo Biraghi’ è stato invece assegnato agli esordienti Ludovica Francesconi (Sul più bello), Alice Pagani (Non mi uccidere) e il trio di protagonisti di Est – Dittatura Last Minute: Jacopo Costantini, Matteo Gatta, Lodo Guenzi. A Ginevra Francesconi per le due interpretazioni di Genitori Vs Influencer e Regina, il ‘Premio Graziella Bonacchi’, e il Premio Nastri d’Argento ‘Persol-Personaggio dell’anno’ a Lorenzo Zurzolo per Morrison di Federico Zampaglione.

I Nastri è il più antico premio cinematografico italiano, istituito nel 1946 dal Sindacato nazionale giornalisti cinematografici italiani e viene assegnato sulla base di cinquine proposte dal direttivo nazionale composto da giornalisti cinematografici della carta stampata, delle televisioni, delle radio e – dall’epoca contemporanea – di Internet. E nella svolta dei primi 75 anni, i Nastri hanno modificato il regolamento: il miglior film premia da quest’anno anche il miglior produttore.


Tutti i premi dei Nastri d'Argento 2021
MIGLIOR FILM
•Le sorelle Macaluso di Emma Dante
Prodotto da Rosamont e Minimum Fax Media con Rai Cinema
MIGLIORE REGIA
• Emma Dante - Le sorelle Macaluso
MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE
• Pietro Castellitto - I Predatori
MIGLIORE COMMEDIA
• L'incredibile storia dell'Isola delle Rose di Sydney Sibilia
Prodotta da Matteo Rovere, Groenlandia
SOGGETTO
• Padrenostro - Claudio Noce, Enrico Audenino
SCENEGGIATURA
• Cosa sarà - Francesco Bruni, collaborazione Kim Rossi Stuart
ATTRICE PROTAGONISTA
• Teresa Saponangelo - Il buco in testa
ATTORE PROTAGONISTA
• Kim Rossi Stuart - Cosa sarà
ATTRICE NON PROTAGONISTA
• Sara Serraiocco - Non odiare
ATTORE NON PROTAGONISTA
• Massimo Popolizio - I predatori
ATTRICE COMMEDIA (ex aequo)
• Miriam Leone - L'amore a domicilio
• Valentina Lodovini - 10 giorni con Babbo Natale
ATTORE COMMEDIA
• Elio Germano - L'incredibile storia dell'Isola delle Rose
FOTOGRAFIA
• Daniele Cipri' - Il cattivo poeta
COSTUMI
• Andrea Cavalletto - Il cattivo poeta
SCENOGRAFIA
• Tonino Zera - L'incredibile storia dell'Isola delle Rose
MONTAGGIO
• Benni Atria - Le sorelle Macaluso
SONORO
• Gianluca Costamagna - Le Sorelle Macaluso
CASTING DIRECTOR
• Francesca Borromeo L'incredibile Storia Dell'isola Delle Rose e con Federica Baglioni Carosello Carosone
COLONNA SONORA
• Stefano Bollani - Carosone
CANZONE ORIGINALE
• "Io Sì (Seen)" - Musica e testi Laura Pausini e Niccolò Agliardi, interprete Laura Pausini - La vita davanti a sè

PREMI SPECIALI (assegnati dal Direttivo nazionale)
NASTRO DI PLATINO
• Sophia Loren - La vita davanti a sè
IL FILM dell'ANNO
• Miss Marx di Susanna Nicchiarelli
Nastri d'Argento per Regia, Produzione, Costumi, Colonna sonora (Vivo Film, RAI Cinema, Massimo Cantini Parrini, Gatto Ciliegia contro il Grande Freddo)
NASTRO EUROPEO 75
• Colin Firth
NASTRO SPECIALE 75
• Renato Pozzetto - Lei mi parla ancora
NASTRO SPECIALE PER IL CAMEO DELL'ANNO
• Giuliano Sangiorgi - Tutti per 1-1 per tutti
PREMIO NASTRI - NUOVO IMAIE per il doppiaggio
• The Father - Nulla È Come Sembra
Dario Penne / Anthony Hopkins - Ida Sansone / Olivia Colman

I PREMI PER I GIOVANI
PREMIO 'GUGLIELMO BIRAGHI' per i giovani
• Ludovica Francesconi - Sul Più Bello
• Alice Pagani - Non Mi Uccidere
• Jacopo Costantini, Matteo Gatta, Lodo Guenzi - Est - Dittatura Last Minute
PREMIO 'GRAZIELLA BONACCHI'
• Ginevra Francesconi - Genitori Vs Influencer, Regina
PREMIO NASTRI d'ARGENTO - PERSOL Personaggio dell'anno
• Lorenzo Zurzolo - Morrison
PREMIO NINO MANFREDI
• sarà annunciato nei prossimi giorni e consegnato nella serata inaugurale del Taormina Film Fest, domenica 27 Giugno

GLI ALTRI NASTRI ASSEGNATI NEL 2021
NASTRI 75
• Luca Guadagnin - Salvatore - Shoemaker Of Dreams
• Gianfranco Rosi - Notturno

DOCUMENTARI
• Alex Infascelli - Mi Chiamo Francesco Totti (cinema del reale)
• Alessandro Rossellini - The Rossellinis (cinema, cultura, spettacoli)
• Carmen Giardina e Massimiliano Palmesi - Il Caso Braibanti (docufiction)
• Francesco Totti, personaggio dell'anno (premio speciale)
• Cosima Spender - Sanpa - Luci E Tenebre Di San Patrignano (documentari e informazione)
• Walter Veltroni - Edizione Straordinaria (documentari e informazione)
• Francesca Mazzoleni - Punta Sacra ("Premio Valentina Pedicini" 2021)

I CORTI D'ARGENTO
• Emanuele Aldrovandi - Bataclan (fiction)
• Edoardo Natoli (animazione)
• Jasmine Trinca - My Mom (speciale - migliore opera prima)
• Francesca Fabbri Fellini - La Fellinette (Premo speciale 75 - Fellini 100)
• Alessandro Haber autore e protagonista nei corti dell'anno
• Alessia Bottone - La Napoli Di Mio Padre (menzione speciale per il corto di montaggio).

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady