Focus

Recinto elettrico: la soluzione per tutelare campi e animali

È importante sapere come la peste suina non è trasmissibile all’uomo, tuttavia la sua diffusione può comportare delle pesanti e importanti conseguenze al comparto produttivo suinicolo, all’agricoltura e all’economia italiana. 

Il Corriere Redazione

25 Febbraio 2022 - 15:42

Recinto elettrico: la soluzione per tutelare campi e animali

Nel momento in cui si decide di installare una recinzione elettrica è sempre bene avere già un’idea, da trasportare successivamente su un foglio in cui disegnare il progetto che si intende realizzare. Questo rappresenta un passo importante, perché consentirà di capire le dimensioni che si desidera dare al recinto, ma soprattutto l’aspetto, dove e come saranno disposte le varie componenti.

Negli ultimi mesi, oltre all’emergenza sanitaria da Covid-19, il nostro Paese deve anche fronteggiare quella della peste suina, soprattutto nelle regioni del Piemonte e della Liguria. Qui, sono state collocate duecento chilometri di reti elettrosaldate che sono state realizzate con dei rivestimenti in zinco e fili di acciaio, per essere installate lungo le strade, in prossimità dei guardrail evitando le zone boschive, così da prevenire la fuga degli esemplari contagiati. Diverse le soluzioni adottate da altri comuni, come ad esempio la ricerca delle carcasse degli animali infetti nelle zone dell’Umbria e delle Marche: al momento risulta essere l’unico strumento utile per seguire tutto il processo di diffusione.

È importante sapere come la peste suina non è trasmissibile all’uomo, tuttavia la sua diffusione può comportare delle pesanti e importanti conseguenze al comparto produttivo suinicolo, all’agricoltura e all’economia italiana. Proprio per prevenire la realizzazione di questi drastici scenari, privati e aziende, possono fronteggiare il problema servendosi di soluzione come il recinto elettrico, così da proteggere sia i propri animali che i propri campi. 

Come realizzare un recinto elettrico con Gemi 

Gemi è un’azienda 100% italiana, nata dall’esperienza del suo fondatore, Domenico Giangreco, specialista nel campo dell’automazione e dell’elettronica industriale. Dal 1983 realizza e vende tutto il necessario per la creazione di recinti elettrici, sia che si parli di isolatori, fili e cavi conduttori, fettucce, maniglie per cancelletti, elettrificatori, e tanti altri dispositivi. Soprattutto quando si vuole realizzare un recinto di qualità, rivolgersi a Gemi è garanzia di professionalità ed alta tecnologia, sia per quanto riguarda la progettazione che la realizzazione dei suoi prodotti.

Nel momento in cui si decide di installare una recinzione elettrica è sempre bene avere già un’idea, da trasportare successivamente su un foglio in cui disegnare il progetto che si intende realizzare. Questo rappresenta un passo importante, perché consentirà di capire le dimensioni che si desidera dare al recinto, ma soprattutto l’aspetto, dove e come saranno disposte le varie componenti. Una volta compreso cosa dovrà contenere il recinto, sia che si tratti di animali che di campi, la grandezza, quanti cancelletti dovrà avere, e così via si dovrà pensare alle sue componenti.

Sia che si scelga di realizzare una recinzione mobile o fissa, è importante che abbia le seguenti caratteristiche:

- i fili devono essere isolati grazie agli appositi isolatori e non attraverso dei tubi di gomma o nastro isolante;

- i collegamenti devono essere fatti con cura in modo da assicurare il corretto passaggio della corrente;

- sia che si tratti della fauna selvatica che del proprio bestiame, è sempre bene andare a realizzare una struttura su misura, e quindi andare a disporre gli elementi come fili, pali, o quant’altro in modo che possano contenere gli animali al proprio interno che evitare l’intrusione di altri. È importante fare attenzione al numero di fili da utilizzare, altezza, e così via;

- i fili devono essere disposti in parallelo in modo da creare una corretta conducibilità elettrica del circuito, e devono essere ben tesi in modo che non creino possibili varchi;

- potrebbe essere utile realizzare anche un by pass sotto i cancelli, in modo che quando vengono aperti si eviti che il flusso di corrente venga interrotto.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

L'Italia e la NATO, dall'adesione a Berlinguer

CONO D'OMBRA

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Quirinale, l'elezione di Leone e la sconfitta di Fanfani

Cono D'OMBRA

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare

A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul un volume della rivista Genere, soggettività e diritti della Pisa university press racconta cosa è stato fatto e cosa si potrebbe fare ancora per contrastare i femminicidi

Diritto e giustizia

Enrico De Nicola primo Presidente

Enrico De Nicola primo Presidente

CONO D'OMBRA

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

Giovanni Leone

Come si sceglie un Presidente della Repubblica

CONO D'OMBRA

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady