Focus

Come richiedere la certificazione energetica APE

Ci sono dei casi in cui deve essere rilasciata appositamente e obbligatoriamente, secondo la normativa in vigore nel nostro Paese. Ecco perché è sempre fondamentale rivolgersi a dei professionisti qualificati

Il Corriere Redazione
Come richiedere la certificazione energetica APE

Anche se non conosciamo nessun tecnico qualificato che possa occuparsi della redazione dell’APE, ci sono appositi servizi online, come per esempio Servizi e pratiche, che danno la possibilità di richiedere il certificato energetico direttamente su internet. 

La certificazione energetica APE è davvero molto importante. Ci sono dei casi in cui deve essere rilasciata appositamente e obbligatoriamente, secondo la normativa in vigore nel nostro Paese. Per esempio l’APE deve essere allegato obbligatoriamente ogni volta che si stabilisce un contratto di compravendita o di locazione di un immobile. Per i locatari che non si attengono a tali obblighi ci possono essere delle sanzioni anche molto pesanti, che possono arrivare fino a 18.000 euro. Ecco perché è sempre fondamentale rivolgersi a dei professionisti qualificati, in grado di redigere questo attestato, che informa sulle prestazioni energetiche di un edificio.

La richiesta del certificato energetico online

Anche se non conosciamo nessun tecnico qualificato che possa occuparsi della redazione dell’APE, ci sono appositi servizi online, come per esempio Servizi e pratiche, che danno la possibilità di richiedere il certificato energetico direttamente su internet. Infatti il web è diventato un punto di riferimento anche in questo senso, con professionisti qualificati che lavorano nel settore anche da diversi anni. Scegliendo gli appositi servizi online che si occupano della compilazione e del rilascio dell’APE, abbiamo l’opportunità di sfruttare servizi competenti e affidabili nella massima sicurezza. Ma che cos’è esattamente l’APE e come è strutturato? Cerchiamo di scoprirne di più a questo proposito.

Com’è strutturato l’attestato di prestazione energetica

L’APE, che è la sigla che indica attestato di prestazione energetica, è un documento che descrive tutte le caratteristiche energetiche degli edifici e può essere rilasciato sia per abitazioni residenziali che per locali commerciali. La nuova certificazione sostituisce il precedente ACE, sigla con la quale si indicava l’attestato di certificazione energetica. È stata introdotta dal decreto legislativo 90 del 2013, che è intervenuto nel modificare e nell’integrare il precedente decreto legislativo 192 del 2005. L’APE è strutturato in modo da far rientrare l’edificio all’interno dei gradini di una scala composta da dieci classi energetiche. La classe più alta, quindi la migliore in termini di efficienza energetica, è indicata come A4. La più bassa, invece, corrisponde alla classe G. Attraverso la consultazione dell’APE ogni utente può individuare più facilmente il consumo totale di energia di un immobile. Inoltre può sapere più informazioni riguardo all’eventuale quota di energia rinnovabile utilizzata e sulla qualità dell’involucro e degli impianti della struttura.

Da chi viene rilasciato l’APE

L’APE viene redatto da un professionista, che viene denominato con il titolo di soggetto certificatore. Si tratta di tecnici abilitati, che sono iscritti regolarmente alla categoria. Un tecnico abilitato inteso come certificatore energetico è solitamente un esperto che si occupa di progettare edifici ed impianti, quindi per esempio può essere un geometra, un ingegnere o un architetto. Nell’APE vengono sintetizzate tutte le caratteristiche energetiche dell’immobile e viene messo a punto mediante la valutazione di diverse caratteristiche e di fattori che riguardano l’abitazione. Infatti il tecnico, per realizzare l’attestazione di prestazione energetica, valuta per esempio le caratteristiche delle murature e degli infissi, i consumi della struttura a livello energetico, la produzione di acqua calda, il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti domestici.

Considera poi i tipi di impianti di cui è dotato l’immobile e verifica se ci sono dei sistemi di produzione di energia rinnovabile. Dopo aver completato l’analisi di tutte queste componenti, il certificatore energetico compila il documento e rilascia la targa energetica. Il certificato energetico poi deve essere consegnato, insieme al libretto della caldaia, ad un eventuale nuovo proprietario che subentra per compravendita o all’inquilino dell’immobile, nel caso della locazione dello stesso. È importante che l’APE sia timbrato e firmato dal tecnico e, se richiesto, può essere contrassegnato anche tramite una firma digitale. Come abbiamo specificato, l’attestato di prestazione energetica può essere richiesto anche usufruendo degli appositi servizi online.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Il Castello Edizioni e Il Mattino di Foggia

Caratteri rimanenti: 400

BLOG

Armeni, il genocidio riconosciuto

Armeni, il genocidio riconosciuto

IronLady

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La lotta della camiciaie del sud Italia in America, quando l'8 marzo ebbe inizio il 23 febbraio

La festa della donna

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

Il "Premio Strega" Edoardo Mesi

L' "economia sentimentale" di Edoardo Nesi per uscire dalla crisi

L'ironlady

Una tragedia trasformata in farsa

Giuseppe Conte

Una tragedia trasformata in farsa

Cono d'ombra

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'Ironlady

Un Edipo a Kyoto

Un Edipo a Kyoto

L'ironlady