Governo-Mittal, si tratta. Pagamento delle fatture entro il 2 dicembre

Un compromesso per superare il ‘muro contro muro’ sugli impianti della ex Ilva. Con ArcelorMittal costretta dall’offensiva giudiziaria a restare a Taranto. E il governo ad aprire all’ulteriore ricorso alla cassa integrazione, a un ridimensionamento della produzione nel lungo periodo, fino a un possibile ruolo del settore pubblico nella riconversione ambientale. Il tavolo ieri fra il governo e i vertici di ArcelorMittal potrebbe aver sbloccato lo stallo che aveva fatto fibrillare la maggioranza dopo l’annuncio del colosso siderurgico di ‘staccare la spina’ all’ex Ilva a gennaio. La strada sembra essere quella di un lungo negoziato, al netto di possibili, ulteriori colpi di scena che invitano alla prudenza: bene che Mittal si sia nuovamente seduta al tavolo – dice il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano – ma “non ci si deve fare illusioni, non credo che Mittal si innamorera’ nuovamente dell’Ilva”. Piu’ ottimista il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri: “si sono create condizioni e la situazione si e’ rimessa su binari positivi”. Da fonti vicine ad ArcelorMittal trapela una “quadro di normalita’” nei livelli produttivi e negli ordini, con l’intenzione di pagare il 60% delle fatture scadute per l’indotto-appalto “entro lunedi’ 2 dicembre”. Le ditte dell’indotto, che rivendicano il saldo delle fatture, sono infatti al sesto giorno consecutivo di ‘presidio delle portinerie’ dello stabilimento siderurgico di Taranto. Ancora non ha risposta la richiesta, ribadita ieri dal premier Giuseppe Conte, di garanzie dalla multinazionale a non staccare la spina agli impianti gia’ a gennaio. Ma i toni di ArcelorMittal si sono fatti piu’ concilianti. L’incontro “per discutere possibili soluzioni per gli impianti ex Ilva e’ stato costruttivo”, si legge in una nota della multinazionale siderurgica. “Le discussioni continueranno con l’obiettivo di raggiungere al piu’ presto un accordo per una produzione sostenibile di acciaio a Taranto”. Prevale la volonta’ di deporre le armi, dunque. Troppo alti per ArcelorMittal i rischi dall’apertura dei vari fronti giudiziari in Italia. Elevatissimi i costi politici dell’attuale stallo, per il governo. Che per facilitare la trattativa, avrebbe deciso una mossa ‘diplomatica’. Non arrivare a far sconfessare la tattica di ArcelorMittal per via giudiziaria, ma invitare i commissari dell’Ilva ad acconsentire a una “breve dilazione” – come spiegava ieri una nota di Palazzo Chigi – dell’udienza del 27 novembre al Tribunale di Milano da cui ci si aspetta una dichiarazione di illegittimita’ della decisione della multinazionale. Guadagnare tempo, dunque, per entrare nel vivo di un lungo negoziato che rivedrebbe il piano industriale puntando a una ‘roadmap’ per la decarbonizzazione. Meno altiforni, conversione (anche con finanziamento pubblico) verso sistemi produttivi innovativi e piu’ sostenibili. Con l’ipotesi di un ingresso dello Stato – probabilmente tramite Cdp – in una ‘newco’ che si occuperebbe della decarbonizzazione. E quella di un decreto ‘ad hoc’ per Taranto, probabilmente prima di Natale, con l’intervento di societa’ a controllo pubblico che contribuirebbero a ridurre l’impatto degli esuberi. L’esecutivo, peraltro, aprirebbe a minori livelli produttivi (gia’ scesi a 4,5 da 6 milioni di tonnellate) nel lungo termine. Ma con una ‘linea rossa’: il ‘no’ all’ipotesi che i 5.000 esuberi dichiarati da Am Investco divengano licenziamenti tout court. E’ qui il nodo piu’ difficile del negoziato: la via maestra sarebbe il ricorso agli ammortizzatori sociali (il rifinanziamento per le aree coinvolte in crisi complesse potrebbe entrare nella manovra) con cassa integrazione per 2-2.500 lavoratori. (Domenico Conti, ANSA).

PAGAMENTO FATTURE ENTRO IL 2 DICEMBRE Il 60 per cento delle fatture scadute dell’indotto appalto sara’ pagato entro il 2 dicembre. Lo dichiarano fonti ArcelorMittal. Giorni fa ArcelorMittal aveva dichiarato a Taranto di aver pagato il cento per cento dei fornitori strategici e il 70 per cento, tra scaduto e corrente, a 163 trasportatori. Ma queste assicurazioni sono state contestate piu’ volte da Confindustria Taranto e dagli stessi imprenditori interessati, tant’e’ che il presidio di protesta davanti alla portineria C della fabbrica e’ ancora attivo da lunedi’ scorso, senza interruzioni, e domani alle 11.30 nella sede di Confindustria Taranto, insieme al presidente Antonio Marinaro, terranno una conferenza stampa il governatore di Puglia, Michele Emiliano, e tutti i sindaci della provincia di Taranto dedicata proprio alla situazione di estrema difficolta’ denunciata dall’indotto-appalto nel rapporto con ArcelorMittal. (AGI) 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *