Clima, giovani, sicurezza: le priorità del bilancio dell’Ue

Le tre istituzioni dell’Ue, Commissione, Parlamento e Consiglio, hanno concordato il bilancio dell’Ue per il 2020. Cio’ consentira’ all’Ue di concentrare le proprie risorse sulle priorita’ che contano per i cittadini: cambiamenti climatici, lavoro, giovani, sicurezza e solidarieta’ nell’Ue. Il bilancio del prossimo anno preparera’ inoltre la transizione al prossimo ciclo di bilancio in quanto sara’ il settimo e l’ultimo nel quadro dell’attuale ciclo di bilancio a lungo termine 2014-2020. “Il bilancio dell’Ue per il 2020 riguarda la continuita’: e’ l’ultimo previsto dall’attuale bilancio a lungo termine e l’ultimo proposto e negoziato dalla Commissione Juncker”, ha detto Guenther H. Oettinger, commissario europeo per il bilancio e le risorse umane. “Indirizzera’ le risorse verso i bisogni, contribuendo a creare posti di lavoro, affrontare i cambiamenti climatici e sfruttare gli investimenti in tutta Europa, investira’ nei giovani e nel rendere l’Europa piu’ sicura – prosegue il commissario -. Tutte queste priorita’ si riflettono anche nella proposta della Commissione per il bilancio dell’Ue a lungo termine oltre il 2020. Ora dovremmo concentrarci su un’adozione tempestiva del prossimo bilancio a lungo termine in modo da poter fornire certezza e stabilita’ ai nostri beneficiari e continuare a creare un valore aggiunto Ue per tutti”. Il bilancio dell’Ue per il 2020 e’ fissato a 168,69 miliardi di euro in impegni (denaro che puo’ essere concordato in contratti in un determinato anno) e 153,57 miliardi di euro in crediti di pagamento (denaro che verra’ erogato). In particolare il 21% del bilancio complessivo andra’ a misure per far fronte ai cambiamenti climatici. Ad esempio, il programma Life per l’ambiente e i cambiamenti climatici ricevera’ 589,6 milioni di euro (+ 5,6% rispetto al 2019). (ANSA)

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *