Ilva, Conte cerca di recuperare Arcelor Mittal

taraLa soluzione della crisi dell’ex Ilva passa per ArcelorMittal, che e’ il piano “a, b, c e d”. O almeno, questa rimane la posizione ufficiale del governo, anche se l’azienda, per ora, non mostra alcun segnale di apertura e, anzi, continua a preparare l’addio a Taranto. Ma gli estremi per il recesso, e’ la “convinzione profonda del governo”, non ci sono. Il colosso franco-indiano, ribadisce in una apposita conferenza stampa il ministro Stefano Patuanelli, deve mantenere gli impegni presi e va richiamato al tavolo. Anche passando per il tribunale, se necessario, dove e’ atteso entro venerdi’ il ricorso d’urgenza dei commissari. Mentre la prima udienza per la citazione dell’azienda e’ stata rinviata a maggio. La situazione, a Taranto, peggiora di ora in ora: in citta’ si registra la prima cinquantina di operai dell’indotto rimasti senza paga. E otto consigli di fabbrica, riuniti a Genova, invocano uno sciopero europeo per la crisi della siderurgia. Ma nella maggioranza resta altissima la tensione: gli emendamenti presentati da Italia Viva al decreto fiscale per reintrodurre lo scudo vengono giudicati inammissibili dalla presidente della commissione Finanze, la 5S Carla Ruocco. E nel Movimento la questione resta tormentata, tanto che il ministro Stefano Patuanelli, dopo al riunione fiume con i senatori e’ costretto a presentarsi anche dai deputati per spuntare almeno quella che lui stesso definisce “una disponibilita’ a discuterne” se, nel corso della trattativa, dovesse riemergere la necessita’ dello scudo. I 4 punti proposti dal ministro ottengono l’ok dopo una tre ore di dibattito tesissimo, e 5 senatori restano sulla linea dura e votano contro il mandato a Patuanelli a “tracciare” la linea sull’ex Ilva, slegandola dalla tenuta del governo, guardando a un piano di medio periodo che punti alla decarbonizzazione e valutando anche l’ipotesi di una legge speciale per Taranto per accelerare gli interventi sul territorio. La trattativa con Arcelor, al momento, non c’e’: il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, rassicura sulla tenuta dei giallorossi (“Il governo rischia? Non scherziamo..”) ma rinvia a lunedi’ prossimo, “per impegni dei vari ministri”, il Consiglio previsto per giovedi’ pomeriggio, che doveva servire a mettere in fila le proposte per il ‘Cantiere Taranto’, cioe’ gli interventi a piu’ ampio raggio per il rilancio, al di la’ delle vicende legate alla fabbrica. E non e’ nell’aria, a breve, nuovo round con i Mittal, che sembrava imminente ma ancora non e’ stato convocato. Si aspetta, probabilmente, l’esito del ricorso. E intanto si lavora, sotto traccia, sia alla proposta di mediazione sia all’eventualita’ che l’azienda abbandoni davvero l’Italia. Il governo punta a ridurre al minimo, se non ad azzerare, la richiesta degli esuberi. Duemila potrebbero essere gestibili attraverso la cassa integrazione, ma andrebbe riscritto il piano industriale “di dieci mesi non di sei anni fa” che Mittal, sottolinea piu’ volte Patuanelli, “non ha rispettato”. In questo quadro comunque, oltre a garantire un soccorso sul fronte dell’occupazione, l’esecutivo potrebbe mettere sul piatto anche un ingresso di Cassa depositi e prestiti, con l’8-10%, a puntellare l’operazione. Sempre Cdp potrebbe essere, invece, il perno attorno a cui ricreare una nuova cordata di privati. Per il subentro potrebbe rendersi necessario prima un nuovo passaggio dell’ex Ilva alla gestione commissariale e una nuova gara. Ma si potrebbe invocare, suggerisce Vincenzo Sanasi D’Arpe, giurista esperto di grandi crisi d’impresa, anche la legge Marzano che consentirebbe di saltare questo passaggio. Resta infine la strada della nazionalizzazione ‘a tempo’, coinvolgendo controllate di Cdp per superare i vincoli di statuto della Cassa: una operazione che potrebbe passare anche la tagliola europea degli aiuti di Stato perche’ si svolgerebbe in un’area depressa. (ANSA)

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *