Legge elettorale, la Cassazione chiede alle regioni integrazioni al quesito referendario

“Per una questione formale, la Corte di Cassazione ha chiesto agli 8 Consigli regionali che il 30 settembre avevano presentato istanza di referendum abrogativo riguardante la legge elettorale, un’integrazione al quesito referendario e per farlo ha concesso tempo sino all’8 novembre”. Lo rende noto il Consiglio regionale del Piemonte, compreso tra le otto regioni proponenti il referendum. “La Cassazione – si legge – invita anche i promotori a cambiare la denominazione del quesito per la sua identificazione. Nello specifico, l’integrazione richiesta consiste nella formulazione integrale dei testi delle disposizioni di cui si chiede l’abrogazione; inoltre la denominazione del quesito dovrà essere ‘Abolizione del metodo proporzionale nell’attribuzione dei seggi in collegi plurinominali, nel sistema elettorale della Camera dei deputati e nel Senato della Repubblica’”. I Consigli regionali avranno tempo fino all’8 novembre per deliberare le integrazioni di carattere formale.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *