Conte: «Se cresce il Sud, cresce di più l’Italia»

“Il Sud ce la puo’ fare. Questa mia convinzione cresce e si rafforza sempre piu’, giorno dopo giorno. Essa riposa nella conoscenza del territorio e nel dialogo con le comunita’ locali che sto portando avanti tenacemente”. 

Sto girando in lungo e in largo le regioni del Mezzogiorno, con le sue punte di eccellenza e con le sue aree depresse, la costa e l’entroterra. Nelle scorse settimane sono stato in Sardegna, in Puglia, poi in Molise e oggi in Irpinia. Tanto a Isernia e a Campobasso, quanto ad Avellino, a Morra de Sanctis e a Vallata ho dialogato con centinaia di rappresentanti degli enti locali e di associazioni di categoria, con semplici cittadini. Ho incrociato migliaia di sguardi. Occhi e voci che scacciano via la rassegnazione e mostrano voglia e determinazione di camminare insieme per offrire riscatto per se’ e per i propri figli. Sono stato travolto da un’ondata incredibile di calore, di orgoglio, di fiducia nelle istituzioni. Il calore di chi e’ abituato ad accogliere gli altri con grande generosita’. L’orgoglio di chi oggi al Teatro Gesualdo di Avellino ha ascoltato l’Inno di Mameli eseguito dagli studenti e ha visto il fondale tingersi del nostro Tricolore”, aggiunge il premier in un post su Facebook. “La fiducia di chi ti posa lo sguardo negli occhi e ti dice di andare avanti e che non ti fara’ mancare il suo rispettoso appoggio. Tanti i momenti di allegria, come quando, assolutamente indegno, ho avuto l’onore di dirigere per qualche istante l’orchestra giovanile del Conservatorio avellinese ‘Domenico Cimarosa’. Ho visitato molte aziende oggi: realta’ industriali che competono nel mondo per posizioni di primato nel campo della componentistica aerospaziale, delle biotecnologie, della farmaceutica, delle piu’ innovative forme di mobilita’. Sono aziende che offrono un futuro ai nostri giovani piu’ qualificati, che cosi’ possono rimanere nella loro terra di origine, trovando gratificazione professionale a casa propria”, conclude. (

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *