Da Di Maio la mossa Rousseau che indispettisce il Pd (e forse anche Mattarella)

L’ultima parola sara’ quella degli iscritti al Movimento 5 stelle, che non tradisce lo spirito originario e anche nelle ore complicate della trattativa per un nuovo governo col Pd affida la decisione agli attivisti che dovranno pronunciarsi sulla piattaforma Rousseau la prossima settimana.

“Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – si legge sul Blog del M5s- domani completera’ il secondo giro delle consultazioni e ascoltera’ le valutazioni dei gruppi parlamentari delle varie forze politiche. Il MoVimento 5 Stelle ha messo sul piatto dieci punti per l’Italia come base per qualsiasi discussione. Il confronto tra le forze politiche su questa base sara’ portato avanti dal presidente del Consiglio che eventualmente domani potrebbe essere incaricato dal Presidente Mattarella. Alla fine di questo percorso ci sara’ una proposta di progetto di governo che sara’ stata condivisa tra le forze politiche che intendono entrare in maggioranza”. “Prima che venga sottoposta al Presidente della Repubblica, questa proposta sara’ votata online su Rousseau dagli iscritti del MoVimento 5 Stelle. Solo se il voto sara’ positivo la proposta di progetto di governo sara’ supportata dal MoVimento 5 Stelle. Il voto dovrebbe avvenire entro la prossima settimana. Gli iscritti al MoVimento 5 Stelle – conclude – hanno e avranno sempre l’ultima parola”. Il testo e’ stato postato anche da Luigi Di Maio sulla sua pagina Facebook.

 Il voto di Rousseau sul governo M5s-Pd e’ solo un modo per prendere tempo. Cosi’ fonti Pd commentano l’iniziativa lanciata questa sera dai Cinque stelle, che viene considerata un altro elemento che complica la trattativa in corso. Si tratta tra l’altro, osservano altre fonti, di uno “sgarbo istituzionale” al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che al termine delle consultazioni decidera’ se affidare l’incarico di governo

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *