Conte smaschera Salvini: «Non tocca a lui decidere i tempi della crisi»

Giuseppe Conte scioglie il silenzio e si schiera, contro Matteo Salvini. Il presidente del Consiglio convoca i giornalisti, a circa 36 ore dallo ‘showdown’ del suo governo dopo il voto sulla Tav al Senato, per fornire – dice – “alcune doverose dichiarazioni ai cittadini” che saranno seguite – assicura – da “piu’ ampie spiegazioni” in Parlamento. Il premier racconta di aver ricevuto ieri, a Palazzo Chigi, il suo vice leghista, il quale gli ha espresso la “volonta’ di andare a votare per capitalizzare il consenso” del suo partito. Poi assicura che la crisi sara’ gestita in assoluta “trasparenza”. “Agli italiani diremo la verita’”, garantisce, e il “senatore Salvini dovra’ spiegare al Paese le ragioni che lo hanno portato a interrompere bruscamente l’azione del governo“. Il presidente del Consiglio dice poi che non accettera’ che passi la narrativa del “governo dei ‘no'”, accusa mossa da Salvini per i ‘niet’ 5 stelle alle proposte leghiste. Il suo esecutivo, si difende Conte, “ha lavorato tanto”. “Non era in spiaggia”, attacca subito dopo, con allusione alla recente vacanza del titolare del Viminale – che ha trascorso nove giorni a Milano Marittima con il figlio. “Questo governo, da me coordinato, si e’ adoperato incessantemente per realizzare innumerevoli progetti di riforma a beneficio di tutti gli italiani”, scandisce Conte. “Non accettero’ piu’ quindi che vengano sminuiti la dedizione, la passione con cui gli altri ministri, tutti i viceministri, tutti i sottosegretari, insieme a me, hanno affrontato l’impegno di governo. E non posso accettare che sia svilito il cospicuo lavoro svolto dai parlamentari”.

Il presidente del Consiglio attacca duramente Salvini anche quando lo critica per aver chiesto ai parlamentari di rientrare in fretta dalle ferie per discutere la crisi. “Non spetta al ministro dell’Interno”, puntualizza, “decidere i tempi della crisi”. “Gli spetta – rimarca – spiegare le ragioni che lo inducono a interrompere precipitosamente, bruscamente il cammino del governo“. Conte assicura che, con trasparenza, si presentera’ alle Camere, perche’ “il Parlamento non e’ un orpello”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *