Carabiniere ucciso nella notte a Roma con 7 coltellate, Salvini: “prenderemo quel bastardo”

 Un vicebrigadiere dei carabinieri è morto in servizio questa notte a Roma dopo essere stato accoltellato da un individuo, probabilmente un cittadino africano, mentre cercava di bloccare gli autori di un reato. Il sovrintendente, con altri colleghi che stavano svolgendo le indagini, si era appostato per fermare due persone ritenute responsabili di un furto e conseguente tentativo di estorsione quando una delle due ha estratto un coltello e ha ferito più volte il vicebrigadiere mortalmente. Inutili i soccorsi all’ospedale S. Spirito dove il militare è poi deceduto. E’ stato ucciso con 7 Mario Rega Cerciello, originario di Napoli, di 35 anni sposato da circa un mese. Il militare era in servizio con un collega in via Pietro Cossa, nei pressi di piazza Cavour, nella Capitale, quando e’ intervenuto per fermare due cittadini africani autori di un furto. Uno di questi lo ha accoltellato a morte.

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, annuncia una “caccia all’uomo” per trovare il responsabile dell’omicidio del carabiniere, Mario Cerciello Rega avvenuto nella notte a Roma. “Caccia all’uomo a Roma, per fermare il bastardo che stanotte ha ucciso un carabiniere a coltellate – scrive il ministro – Sono sicuro che lo prenderanno, e che paghera’ fino in fondo la sua violenza: lavori forzati in carcere finche’ campa”.

“Mi stringo in un forte abbraccio alla moglie e alla mamma del vice brigadiere Mario Cerciello Rega e all’Arma dei Carabinieri e chiedo tolleranza zero per i delinquenti autori del vile atto”. Lo afferma la ministra della Difesa, Elisabetta Trenta.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *