Padre e figlia annegati: foto shock di migranti che sognavano Usa

Padre e figlia annegati: foto shock di migranti che sognavano Usa Indignazione in tutta l’America
Roma, 26 giu. (askanews) – Indignazione in tutta l’America per
una foto shock di un padre e della sua bimba di 23 mesi morti
annegati nel Rio Grande mentre cercavano di attraversare il
confine tra Messico e Stati Uniti evitando il muro che separa i
due Paesi. Uno scatto che ricorda l’immagine del corpicino del
bimbo curdo-siriano Aylan riverso su una spiaggia turca Ë
diventata simbolo della tragedia dell’immigrazione verso
l’Europa. La disgrazia, avvenuta domenica, Ë ripresa oggi con
grande risalto da tutti i media internazionali dopo il
ritrovamento dei due corpi lunedÏ scorso da parte della polizia
messicana.

L’uomo era un cittadino salvadoregno, Oscar Alberto Martinez,
mentre sua figlia si chiamava Angie Valeria. Nella foto,
pubblicata anche dalla BBC, si vedono i due corpi a faccia in
gi˘, immersi nell’acqua di un canneto sporca di fango,
trasportati a riva dalla corrente sulla sponda sud del fiume; la
bimba Ë attaccata al collo del padre ed Ë legata con lui da una
maglietta con il quale l’uomo forse cercava di tenere la sua
bimba stretta a sË nel disperato tentativo di proteggerla.

La tragedia avviene proprio mentre gli Stati Uniti e il Messico
stanno irrigidendo le loro politiche anti-migrazione,
principalmente dall’America centrale verso nord. Negli ultimi sei
giorni, secondo la Bbc, sono morti almeno sei migranti. Almeno
283 i migranti morti sul confine Usa-Messico nel 2018, secondo la
pattuglia di frontiera degli Stati Uniti, ma gli attivisti per i
diritti umani affermano che il numero Ë probabilmente pi˘ alto.

Molti dei migranti affermano di fuggire dalla violenza e dalla
povert‡ in Honduras, Guatemala e El Salvador, e hanno in
programma di chiedere asilo negli Stati Uniti. I critici alla
politica del presidente Donald Trump sull’immigrazione affermano
che il suo approccio sta spingendo i migranti a prendere strade
pi˘ pericolose.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *