L’ambasciata italiana a Pechino chiede di fermare Yulin, Frattini: «Che fa il resto d’Europa?»

Anche quest’anno, da venerdì scorso, nella Regione Autonoma del Guangxi Zhuang, migliaia di cani e gatti vengono massacrati per essere mangiati. L’intervento dell’Ambasciata italiana, la denuncia dell’ex ministro degli affari esteri Franco Frattini.

Migliaia di cani e gatti torturati, uccisi, per essere mangiati. Accade al festival della carne di Yulin, Regione Autonoma del Guangxi Zhuang, in Cina. L’orrendo e indegno massacro si è ripresentato anche quest’anno, da venerdì scorso. È a chiedere che venga fermato è intervenuta l’Ambasciata d’Italia a Pechino. «Nel corso della manifestazione migliaia di cani e di gatti sono macellati per uso alimentare, oltretutto in un contesto di incertezza circa le metodologie e le pratiche impiegate per garantire quanto meno un abbattimento indolore, istantaneo e il meno crudele possibile di questi animali. Dinanzi a queste circostanze l’Ambasciata d’Italia a Pechino, nel dare voce alle sensibilità manifestate da tanti cittadini italiani e in continuità con l’azione svolta nel corso degli anni e ancora in queste ultime settimane, desidera reiterare la sua ferma condanna di ogni forma di violenza e maltrattamento nei confronti degli animali da compagnia. Pur nel pieno rispetto degli usi e dei costumi locali e nella consapevolezza della natura esclusivamente privatistica dell’evento, l’Ambasciata d’Italia a Pechino auspica vivamente che tale manifestazione, nella misura in cui sia collegata alla macellazione di cani e di gatti per uso alimentare, possa cessare al più presto, prendendo atto di quanto riportato dalla stampa locale circa un suo progressivo ridimensionamento», l’appello della nostra ambasciata in Cina

L’iniziativa italiana viene elogiata da Franco Frattini, già ministro degli affari esteri e commissario europeo per la Giustizia, la Libertà e la Sicurezza. «Un primo passo dell’Italia per l’orrore di Yulin. E gli altri paesi UE? Quelli sempre bravi a parlare di diritti su tutto e tutti,sono nascosti? Perché non dicono pubblicamente che quella strage deve finire??Viltà o solo affari coi cinesi? Magari qualcuno esca allo scoperto», la denuncia via Twitter di Frattini.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *