«Contro la Fiorentina l’Empoli è condannato a vincere»

Contro la Fiorentina l’Empoli e’ condannato a vincere per sperare in una miracolosa, ma ancora possibile salvezza. “Voglio esser realista, e’ ovvio che ci crediamo. Chi non lo fa e’ bene che non entri al Castellani. Ma siamo anche razionali, continuare a fare a meno di giocatori importanti tutti nello stesso reparto e’ fastidioso.
Tuttavia il tempo, se uno e’ abituato a vedere il bicchiere mezzo pieno, ti aiuta”. Tra gli infortunati ci sono Dell’Orco e
Silvestre ma “quest’ultimo dovrebbe recuperare, e’ una buona notizia”. “Empoli-Fiorentina non e’ una gara come le altre – prosegue -. Parlando coi tifosi ho avvertito questa sensazione, loro gradirebbero togliersi una soddisfazione e noi proveremo ad accontentarli. Non e’ cambiato nulla, non vedo l’ora di giocare con la Fiorentina e spero di vincere. Vorrei dare una soddisfazione al nostro pubblico perche’ sappiamo quanto i tifosi ci tengano”.
Antonio Conte e’ stato tre giorni a Empoli a seguire gli allenamenti. Ecco cosa dice il tecnico sull’ex Ct: “E’ nato come un incontro di lavoro, ci siamo conosciuti meglio a Coverciano ed e’ stata una piacevole tre giorni. Ha pranzato con noi e con
la squadra, mi ha fatto piacere che quando e’ andato via ha detto al presidente che sarebbe rimasto volentieri. E’ partito alle
6.30 del mattino da Torino, il Primo maggio, per venire qui a confrontarsi. Questo la dice lunga sul concetto di migliorarsi e dare il 100%: ha vinto tanto e questo e’ il motivo”.
Infine sulla non contemporaneita’ delle partite fra pretendenti allo stesso obiettivo Andreazzoli dice: “Siamo figli e anche dipendenti delle tv e degli impegni, ma a fine
campionato non va bene scendere in campo sapendo i risultati degli altri. Se si gioca in contemporanea nessuno e’ penalizzato”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *