L’stat dà respiro all’Italia

Più delle percentuali è il segno positivo che da’ fiducia  ad un governo in affanno, dopo due trimestri chiusi con un segno negativo.  L’Italia è fuori dalla recessione secondo l’Istat anche se la crescita è davvero modesta: nel primo trimestre dell’anno il Pil italiano è cresciuto dello 0,2% rispetto ai tre mesi precedenti. L’economia è così uscita dalla recessione tecnica dovuta ai due cali consecutivi del prodotto interno lordo registrati negli ultimi due trimestri del 2018, entrambi chiusi a -0,1%. La ripresa secondo i tecnici e’ trainata soprattutto  dall’export che da una domanda interna e per molti osservatori un paese in stagnazione.  Per il premier Conte, “l’Italia torna a crescere e questo ci conforta” testimoniando “la bontà della Manovra e delle misure sin qui adottate e gli effetti delle misure prese non si sono ancora dispiegati” e quindi “nel secondo semestre di quest’anno l’economia potrà crescere in modo sostenuto: continuiamo a lavorare in questa direzione”. Critiche dalle opposizioni. Dai dati Istat  con PIL  I trimestre che cresce di un modesto 0.2 % sul precedente. Bene le esportazioni, male la domanda interna ( eccetto scorte). In Italia evitiamo recessione, crea da noi, grazie alla ripresa degli altri. Comunque, anche se per merito altrui, una buona notizia scrive su Twitter il deputato Dem Gianluca Benamati. Evitata sì la recessione, ma il nostro Paese resta fanalino di coda dell’Europa, mentre gli altri tornano a crescere sempre su Twitter l’onorevole Brunetta. 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *